home fip
basket community
Main Sponsor
Main Sponsor
Sponsor Tecnico
Sponsor Tecnico
Top Sponsor Shorts
Top Sponsor Shorts
Top sponsor
Top sponsor
Sponsor
Sponsor
Giovanilecomitato regionale

U17M - BARLETTA

Indietro
19 Giugno 2009
Finale Nazionale U17 Maschile: Venezia-Siena e Pesaro-Treviso le semifinali - video interviste
Barletta – Venezia-Siena e Pesaro-Treviso saranno le semifinali a Barletta per lo Scudetto Under 17 Maschile.
Due derby e due gare interessanti hanno contraddistinto la giornata di gara.
Equilibrato lo scontro tra venete, con Venezia che riesce ad eliminare Udine al termine di una partita avvincente. Nel derby toscano Siena batte Pistoia, ma al contrario di quanto previsto dal pronostico il compito dei mensanini non è così agevole.
Quarto in bilico fino alla fine anche quello tra Reggio Emilia e Pesaro, risolto a favore dei marchigiani. Nell’ultima gara di giornata la Benetton Treviso fatica per un tempo prima di aver ragione della Virtus Roma.

Guarda le video-interviste ai coach delle squadre approdate in semifinale

Cestistica Basket Udinese-Umana Reyer Venezia 72-80 (19-27, 33-47, 55-63)
Cestistica Basket Udinese: Mian 27, Fumolo 10, Gambaro 5, Daniotti 14, Petiziol 2, Binutti 6, Avanzo, Ferro ne, Croce ne, Dominese, Alibegovic 8. All: Colosetti
Umana Reyer Venezia: Ceron 32, Tasca 28, Pasini, Furlan, Donadon 10, Porfido, Bonomo ne, Vian 10, Busato ne, Vianello, Boldini ne, Parisatti. All: Zanatta

Arbitri: Soavi, Barilani

Note: Usciti 5 falli: Daniotti (Udinese), Tl: Udinese 15/16, Venezia 9/14

Nel primo derby di giornata la Reyer si guadagna la semifinale battendo una mai doma Udinese. Statistiche alla mano Ceron e Tasca sono i veri leader dei veneziani: in due 50 degli 80 punti realizzati. Grazie alle loro medie (32 punti e 10 rimbalzi per il primo, 28 punti e 7 rimbalzi per il secondo) la Reyer sembra poter chiudere la gara già nel primo tempo. Da parte Udinese Mian (27 punti) non ci sta: con quattro triple consecutive a metà terzo quarto riporta di peso i suoi nella gara. Ultimi 10 minuti incerti, con Udine che finisce per pagare una ristretta rotazione.

Alberto Zanatta, coach di Venezia, individua la chiave della gara: “Siamo partiti con il piglio giusto, con molta aggressività, e siamo stati bravi a capire i loro punti di forza costringendo Mian a tiri forzati. In attacco siamo stati abbastanza liberi, scaricando bene la palla fuori. Siamo molto soddisfatti perché nessuno credeva in questo traguardo. Sono contento per la squadra, che ha giocato con grande cuore”.

Montepaschi Siena-Pistoia Basket 2000 75-60 (25-18, 41-34, 62-48)
Montepaschi Siena: Ingrosso 21, Ramenghi, Sabbatino 25, Severini 5, Sgobba 14, Logi 8, Sorrentino, Monaldi 2, Udom, Pucci ne, Capaccio ne, Mazzi ne. All: Griccioli
Pistoia Basket 2000: Tuci 6, Salute 4, Mochi, Mati ne, Tesi ne, Della Rosa, Fontanesi 10, Petrucci 8, Saccaggi 10, Palandri ne, Mogani 18, Bettini 4. All: Biagini

Arbitri: Balducci, D’Arielli

Note: Usciti 5 falli: Udom (Siena), Bettini (Pistoia). Tl: Siena 15/27, Pistoia 18/25

Fin dall’inizio l’inerzia della gara è tutta a favore di Siena. I toscani, però, nel primo tempo non riescono mai a scrollarsi di dosso una Pistoia che con tenacia e determinazione rimane aggrappata alla partita. Nel secondo tempo le distanze cominciano ad aumentare: Pistoia concede spazio e la Montepaschi non si fa pregare. Maiuscole le prove di Sabbatino (25) e Ingrosso (21) per i mensanini. In evidenza Bogani (18) tra i pistoiesi. Siena vince il derby e trova Venezia in semifinale.

Giulio Griccioli, coach di Siena, analizza così la gara: “Sono molto soddisfatto per la vittoria, era una partita difficile e l'abbiamo affrontata bene. Avevamo già incontrato Pistoia nel girone toscano, e sapevamo che avrebbero fatto di tutto per non farci giocare. L'anno scorso Siena ha disputato tre finali nazionali, e domani contro Venezia ci giocheremo la possibilità di continuare questa splendida striscia”.

Trenkwalder Reggio Emilia-Scavolini Spar Pesaro 63-71 (10-17, 30-31,49-55)
Trenkwalder Reggio Emilia: Iori 4, Germani 6, Veccia 13, Pini 9, Laganà 10, Grisanti 2, Vanni 2, Margarina 17, Canuti ne, Simonazzi ne, Teodori ne, Tranquilli ne. All: Di Manno
Scavolini Spar Pesaro: Cambrini, Scrima, Traini 18, Tobaldi 5, Tortù 8, Stefanini 10, Di Donato 9, Scafaro 2, Ciribeni 11, Piccinini 2, Testa, Vino 6. All: Rinolfi

Arbitri: Portaluri, Maffei

Note: Tl Reggio Emilia 9/17, Pesaro 16/26

Soffre parecchio Pesaro per sbarazzarsi di una ostica Reggio Emilia. I marchigiani si impongono 71–63, ma fino a un minuto e mezzo dalla fine gli emiliani giocano punto a punto. Fra i pesaresi le azioni più importanti nascono sempre dalle mani “calde” di Traini (18 punti, 10/13 dai liberi), dall'altra parte del campo è Margaria (17 punti) a sorreggere i suoi.

Pesaro prova ad andarsene nel primo quarto, ma viene raggiunta sul 30 pari a una manciata di minuti dall'intervallo. Nella ripresa sono sempre i marchigiani a fare da lepre, senza riuscire a prendere un cospicuo vantaggio. Reggio sfiora ancora il pareggio, ma all'ultimo suono di sirena sono i ragazzi di coach Rinolfi ad alzare le braccia al cielo.

Ecco le parole del coach pesarese: “E' stata una partita molto dura contro una delle favorite di queste finali. Siamo stati bravi a giocare insieme, a rimanere agganciati all'incontro. Dovevamo fare bene la fase difensiva, e nel non concedere le palle dentro per i loro esterni siamo stati compatti, mentre abbiamo sbagliato qualcosa nei rimbalzi. Abbiamo vinto grazie ad una compattezza di squadra e a una forza d'animo molto forti”.

Virtus Roma-Benetton Treviso 63-74 (21-15, 38-41, 50-63)
Virtus Roma: Di Pasquale 8, Marchetti 6, Carrano 7, Staffieri 8, Panunzio, Ferrarese 23, Repesa 6, Greselin, Muzi 3, Paolucci ne, Rinaldi 2, Cerreoni ne. All: Prosperi
Benetton Treviso: Gaspardo, Rigo, Bonivento ne, Bernardi ne, Iacopini ne, Marini 3, Valesin 17, Zanatta 14, Zanelli 6, Gentile 21, De Paoli 2, Quarisa 11. All: Vertemati

Arbitri: Giampietro, Galasso

Note: Usciti 5 falli: Ferrarese (Roma). Tl: Roma 9/19, Treviso 22/35

Non basta una Virtus con tanto cuore per fermare la Benetton. Treviso si impone 74-63, ma nel primo tempo è costretta a recuperare terreno dopo la partenza in tromba dei romani. Sotto alla fine del primo quarto, Treviso soffre anche nel secondo periodo, pur arrivando all'intervallo sopra di 3 punti.

Nella seconda parte di gara i veneti, trascinati da Gentile (21 punti) e da Quarisa (11 punti, 16 rimbalzi), cominciano a prendere in mano il pallino del gioco. Roma rimane in partita come può, grazie soprattutto ai 23 punti realizzati da Ferrarese, ma sotto canestro la fisicità dei veneti fa la differenza.

Queste le parole di coach di Treviso Vertemati: “Prima di tutto voglio fare i complimenti a Roma. Ci hanno sorpreso giocando un primo quarto d'altissimo livello. Dopo la ripresa abbiamo cambiato qualcosa in difesa, abbiamo piegato le gambe e le cose sono andate meglio. I ragazzi erano molto nervosi, c'era molta tensione ma devo ringraziarli perché hanno vinto una gara difficile con cuore e maturità”.

Il programma delle semifinali (20 giugno 2009)
(Paladisfida M. Borgia – Via D’Annunzio – Barletta)

Ore 18.00 – Umana Reyer Venezia–Montepaschi Siena
Ore 20.00 - Scavolini Spar Pesaro-Benetton Treviso

Ufficio Stampa Fip
Condividi ...
calendario eventi
© 2015 Federazione Italiana Pallacanestro - Giovanile - Privacy Policy    Cookie Policy
credits sendoc.it
Gazzetta
Kigili
Uliveto
Autovia
MGX
orogel.it
Sixtus
www.spaldingbros.com

Media Partner

Fornitori Ufficiali

Fisiowarm
Vettore Medical
YouteCar

Official Medical Partner