News
30/03/2022 Nuovi limiti di utilizzo per gli impianti con dimensione 26 x 14
Come noto, il Consiglio Federale del 6 giugno 2020, con la delibera n. 501/2020, ha autorizzato l’uso di impianti con larghezza standard di m 15,00 ma con lunghezza inferiore allo standard corrispondente (m 28,00) purché siano garantite le dimensioni standard (cm 200) della fascia di rispetto.

Con la delibera 24E/2021 il Consiglio Regionale del 3 novembre 2021 ha ulteriormente precisato l’utilizzo di questi impianti “speciali” affermandone l’equivalenza ai campi con misura standard 28 x 15 in tutti i campionati senior che non promuovono a campionati nazionali e nei campionati giovanili di base che non prevedono successive fasi interregionali.

Nel frattempo Verifica Impianti sta ricontrollando tutti gli impianti in uso con dimensione 26 x 14 per confermarne la possibilità di ampliamento nei limiti definiti dalla delibera C.F. 501/2020: il risultato di questa attività è riportato in una specifica nota nel mod. S – AIR che ogni Società riceve dopo la verifica periodica di ogni impianto.

La delibera del Consiglio Regionale stabilisce anche ulteriori vincoli all’utilizzo dei campi con dimensione ridotta di m 26 x 14.

In particolare, dall’anno sportivo in corso Verifica Impianti accetta “nuovi” impianti con dimensione 26 x 14 non ampliabile (di seguito 26 NA) per l’uso esclusivo nei campionati maschili e femminili senior a libera partecipazione e giovanili U13 e U14 di base.

Attualmente i campionati senior a libera partecipazione sono la prima (e seconda) divisione maschile e la promozione femminile.

Per il concetto di “nuovo” impianto si veda la precisazione da tempo presente nelle “news” di Verifica Impianti nel sito del Comitato Regionale (www.fip.it/regioni/lombardia).

Per quanto appena affermato è evidente che i “nuovi” impianti che risulteranno ampliabili dovranno essere ampliati prima di poter essere dichiarati idonei.

Inoltre ed in modo analogo, dall’anno sportivo 2023/24 gli impianti con dimensione 26 x 14, non ampliabili (26 NA), potranno essere utilizzati esclusivamente nei campionati maschili e femminili senior a libera partecipazione e giovanili U13 e U14 di base.

Infine, al più tardi prima dell’inizio dell’anno sportivo 2023/24 devono essere ampliati gli impianti dichiarati “ampliabili” da Verifica Impianti per poter essere utilizzati come già indicato; diversamente, cioè se non ampliati, vengono trattati come campi 26 NA, a tutti gli effetti.

Per rendere meno “brusco” il passaggio a questo nuovo regime è stata anche introdotta una norma transitoria che consentirà di continuare ad utilizzare il campo 26 x 14 non ampliabile (26 NA) alle Società/squadre che l’avranno utilizzato per l’intero anno sportivo 2022/23 senza essere state promosse o retrocesse; questa norma transitoria varrà anche negli anni sportivi successivi fino a sua revoca, presumibilmente dopo un intero ciclo olimpico e, comunque, con preavviso di almeno un anno sportivo.

Da sottolineare che la norma transitoria è strettamente legata alla squadra ed alla Società che ha disputato il campionato utilizzando il campo di misure ridotte e non può essere trasferita, cioè utilizzata, ad altra squadra della stessa Società o, men che meno, ad altra Società; inoltre la norma decade in caso di ritiro dal campionato, in qualsiasi fase.

Inoltre la norma non è applicabile in caso di ripescaggio e/o di rinuncia alla promozione.

Per maggior chiarezza: una Società che avrà disputato il campionato 2022/23 in serie D utilizzando il campo 26 NA, NON potrà continuare ad utilizzarlo nel nuovo anno sportivo sia che venga promossa alla serie C silver o che venga retrocessa nel campionato di promozione; potrà invece continuare con il campo 26 NA (eventualmente anche cambiando impianto) solo restando in serie D e fino a quando non sarà revocata la norma transitoria con preavviso di almeno un anno sportivo.

Analogamente se la Società A nell’anno sportivo 2022/23 userà il campo X (26 NA) nel campionato di serie D e verrà promossa o retrocessa o passerà ad altro impianto, nessuna altra Società potrà subentrarle nel successivo anno sportivo per utilizzare lo stesso campo X per lo stesso campionato di serie D o per altro campionato non ammesso.

Infine e sempre a partire dall’anno sportivo 2023/24 gli impianti in uso con dimensione 26 x 14 non ampliabili NON saranno più soggetti a verifica periodica, con il risparmio del relativo contributo, a meno di esplicita disposizione del Giudice Sportivo o a richiesta di altra Società direttamente interessata; per contro tutti gli impianti con idoneità scaduta continueranno a dover essere sottoposti a verifica prima di poter essere nuovamente utilizzati per qualsiasi campionato.

Da quanto precede ne deriva che il mancato utilizzo di un impianto non più soggetto a verifica periodica per la disputa di un campionato, cioè per un intero anno sportivo, fa decadere l’idoneità dell’impianto stesso per il successivo anno sportivo e lo colloca fra gli impianti con idoneità scaduta; nello stesso senso gli utilizzi estemporanei per gare isolate, ancorché delle categorie ammesse, non configura uso idoneo a protrarre l’idoneità per l’anno sportivo successivo.