<![CDATA[FIP]]> Sun, 15 Sep 2019 16:12:29 UTC <![CDATA[Nazionali 3x3 - FIBA 3x3 Women's Series, Udine. Le Azzurre U23 non superano i Quarti. La Nazionale Open perde con i Paesi Bassi in Semifinale ]]> Le Nazionali femminili 3x3 che si fermano nei Quarti e in Semifinale alla tappa di Udine della FIBA 3x3 Women's Series, il torneo internazionale itinerante.

Le Azzurre U23 perdono con la Polonia 12-16 e non accedono alla Semifinale, anche se il vantaggio decisivo la Polonia lo conquista solo nell'ultimo minuto.

La Nazionale Open, imbattuta nella prima giornata e qualificata direttamente per la Semifinale, perde con l'Olanda 8-12 (che aveva già battuto la Rep. Ceca U23 nei Quarti) e non riesce ad accedere alla Finale. La Francia in Finale batterà i Paesi Bassi 16-14.

Il prossimo impegno della Nazionale Open femminile è la tappa di Edmonton (Canada) del 21-22 settembre della FIBA 3x3 Women's series.


Quarti di Finale
Polonia-Italia U23 16-12
Paesi Bassi-Rep. Ceca U23 16-8

Semifinali
16:40 Francia-Polonia 16-13
17:05 Italia-Paesi Bassi 8-12

17:50 Finale
Francia-Paesi Bassi 16-14 dts


 Nazionale U23 
Quarti di Finale
Italia U23-Polonia 12-16
Italia. Ianezic 2, Trucco 1, Rosini 4, Nasraoui 5. All. Adamoli

Nazionale Open
Semifinale
Italia-Paesi Bassi 8-12
Italia. D'Alie 5, Filippi 3, Rulli, Zampieri. All. Adamoli


Nazionale Open
1. D’Alie Rae Lin Marie (1987, 160, Libera da contratto)
2. Filippi Marcella (1985, 186, San Martino di Lupari)
3. Rulli Giulia (1991, 185, Basket Costa x L’Unicef)
4. Zampieri Arianna (1988, 183, Geas Basket Sesto San Giovanni)

Nazionale Under 23
1. Ianezic Giulia (2000, 181, Lib. Sporting Basket School Udine)
2. Nasraoui Meriem (2002, 184, Basket Costa x L’Unicef)
3. Rosini Clara (2002, 179, Futurosa Forna Basket Trieste)
4. Trucco Valeria (1999, 192, Lib. Moncalieri)

Staff
Allenatore Angela Adamoli
Team Director Giancarlo Migliola
Team Manager Maria Cristina Curcio
]]>
Sun, 15 Sep 2019 14:03:00 UTC
<![CDATA[Presidente - Spagna Campione del Mondo. Le congratulazioni del presidente Petrucci al presidente Garbajosa e a coach Scariolo ]]> La Spagna ha vinto la FIBA World Cup 2019 battendo in finale l'Argentina 95-75.

Al presidente della Federazione spagnola Jorge Garbajosa, al capo allenatore Sergio Scariolo, ai giocatori e allo staff, le congratulazioni e i complimenti per il prestigioso traguardo raggiunto del presidente FIP Giovanni Petrucci. ]]>
Sun, 15 Sep 2019 13:59:00 UTC
<![CDATA[FIBA - Commissione Giocatori FIBA, c'è anche Raffaella Masciadri ]]> Raffaella Masciadri nella Commissione Giocatori FIBA. Lo ha deciso il Board della Federazione Internazionale riunitosi a Pechino. Il nuovo Presidente della Commissione, nata nel 2014, è il tedesco Dirk Nowitzki, che succede a Vlade Divac.

Questi i componenti:
Dirk Nowitzki (Germania), Chair
Jenni Screen (Australia), Dep. Chair
Maria Paula Goncalves da Silva (Brasile)
Ilona Korstin (Russia)
Hachetou Maiga Ba (Mali)
Raffaella Masciadri (Italia)
Yegor Mescheriakov (Bielorussia)
Marko Milic (Slovenia)
Hanno Mottola (Finlandia)
Kirk Penney (Nuova Zelanda)
Yuko Oga (Giappone)
Amaya Valdemoro (Spagna)
Nikos Zisis (Grecia)
Mathieu Faye (Senegal)
Dejan Majstorovic (Serbia – 3x3)
Marie-Eve Paget (Francia – 3x3) ]]>
Sun, 15 Sep 2019 07:31:00 UTC
<![CDATA[Nazionali 3x3 - FIBA3x3 Women's Series, Udine. Le Azzurre U23 ai Quarti. La Nazionale Open in Semifinale. ]]> Entrambe le Nazionali 3x3 si qualificano alla seconda giornata della FIBA 3x3 Women's Series di Udine di domenica 15 settembre, presso il Centro Commerciale Parco Terminal Nord.

La Nazionale U23 accede ai Quarti, dove domenica giocherà alle 15:30 contro la Polonia, seconda del girone A. Decisiva è stata per l'Italia U23 3x3 la vittoria al supplementare contro la Romania per 12-10, che si è poi rivelato un vero e proprio spareggio tra le due squadre. Nella prima partita della giornata l'Italia U23 aveva perso contro la Francia campione d'europa e prima nel ranking della Women's Series 5-12 e poi ancora contro i Paesi Bassi 21-13. Sconfitte formative per una squadra giovane che approfitta di questa manifestazione per allenarsi per i Mondiali di categoria che si terranno dal 2 al 6 ottobre a Lhanzou in Cina.

Le Azzurre della Nazionale Open, invece, sono a punteggio pieno alla fine della prima giornata: vincono contro la Rep. Ceca U23 19-14 e poi contro la Polonia 21-13 e si qualificano direttamente per la semifinale che si gioca domenica alle 17:05. L'altra nazionale che si è qualificata direttamente per la Semifinale è la Francia, prima del girone A.


 14 settembre 
Nazionale Under 23
Italia U23-Francia 5-12
Italia. Ianezic, Trucco 2, Rosini, Nasraoui 3. All. Adamoli

Italia U23-Romania 12-10dts
Italia. Ianezic 1, Trucco 1, Rosini 5, Nasraoui 5. All. Adamoli

Italia U23-Paesi Bassi 13-21
Italia. Ianezic 4, Trucco 3, Rosini 2, Nasraoui 4. All. Adamoli


Nazionale Open
Italia-Rep. Ceca U23 19-14
Italia. D'Alie 10, Filippi 5, Rulli 2, Zampieri 2. All. Adamoli

Italia-Polonia 21-13
Italia. D'Alie 4, Filippi 6, Rulli 5, Zampieri 6. All. Adamoli


 15 settembre 
Quarti di Finale
QF1. 15:30 Polonia-Italia U23
QF2. 15:55 Paesi Bassi-Rep. Ceca U23

Semifinali
16:40 Francia-vincitrice QF1
17:05 Italia-vincitrice QF2

17:50 Finale


Nazionale Open
1. D’Alie Rae Lin Marie (1987, 160, Libera da contratto)
2. Filippi Marcella (1985, 186, San Martino di Lupari)
3. Rulli Giulia (1991, 185, Basket Costa x L’Unicef)
4. Zampieri Arianna (1988, 183, Geas Basket Sesto San Giovanni)

Nazionale Under 23
1. Ianezic Giulia (2000, 181, Lib. Sporting Basket School Udine)
2. Nasraoui Meriem (2002, 184, Basket Costa x L’Unicef)
3. Rosini Clara (2002, 179, Futurosa Forna Basket Trieste)
4. Trucco Valeria (1999, 192, Lib. Moncalieri)

Staff
Allenatore Angela Adamoli
Team Director Giancarlo Migliola
Team Manager Maria Cristina Curcio

]]>
Sat, 14 Sep 2019 13:53:00 UTC
<![CDATA[Lutti - È morto Bruno Grandi. Le condoglianze del presidente Petrucci ]]> È morto, all'eta' di 85 anni, Bruno Grandi, uno dei più prestigiosi dirigenti sportivi italiani. Il presidente FIP Giovanni Petrucci, che ebbe Grandi come vicepresidente al CONI, a titolo personale, a nome del Consiglio Federale e della pallacanestro italiana,
abbraccia con affetto la famiglia e ne condivide il cordoglio.

Bruno Grandi era attualmente presidente onorario della Federginnastica di cui era stato Presidente fino al 2000.
È stato presidente reggente del CONI fra il 1998 e il 1999. Eletto nella Giunta Nazionale nel 1984 è diventato vicepresidente del
CONI nel novembre 1987, incarico che gli verra' confermato fino al maggio 2005.
Componente italiano del CIO dal 2000 al 2004. Dal 1996 al 2016 e' stato anche presidente della Federazione mondiale di ginnastica. ]]>
Fri, 13 Sep 2019 07:26:00 UTC
<![CDATA[Consiglio Federale - Consiglio Federale a Bari il 21 settembre ]]> Si terrà a Bari, sabato 21 settembre alle 14:00, presso l'Hi Hotel (in Via Don Guanella), il Consiglio federale della FIP convocato dal presidente Giovanni Petrucci.

Questo l'Ordine del giorno:
1. Approvazione verbale riunione 16 luglio 2019
2. Comunicazioni del Presidente
3. Leghe di Società
4. Regolamenti federali
5. Delibere amministrative
6. Pratiche legali
7. Settori, Comitati, Commissioni e Uffici
8. Società sportive
9. Varie ed eventuali

]]>
Thu, 12 Sep 2019 15:11:00 UTC
<![CDATA[High School BasketLab - High School Basketlab, dal 12 settembre al CPO dell'Acqua Acetosa il via alla terza stagione ]]> Prende il via domani al Centro di Preparazione Olimpica di Roma la terza stagione di High School Basketlab.

Quattordici le giocatrici a disposizione dello staff tecnico coordinato da Giovanni Lucchesi, quest'anno HSBL prenderà parte al campionato di Serie A2.

Le convocate
Arianna Arado (2004, 1.82, A, Amatori Savona)
Vittoria Blasigh (2004, 1.74, P, Sporting Udine)
Valentina Braida (2003, 1.80, Sporting Udine)
Ashley Chinenye Egwoh (2002, 1.85, Lumaka Reggio Calabria)
Promise Nne Dinma Keshi (2003, 1.77, Raptors Basketball Mestrino)
Vittoria Lavinia Lanzilotti (2004, 1.82, A, Milano Basket Stars)
Caterina Logoh (2003, 1.75, Vis Castelfidardo)
Laura Medeot (2003, 1.85, A, Alba Cormons)
Anna Daria Rescifina (2003, 1.79, Giuseppe Rescifina Messina)
Sara Ronchi (2003, 179, Biassono)
Lucia Adele Savatteri (2001, 1.91, C, Eirene Virtus Ragusa)
Stefania Susca (2004, 1.82, A, I Delfini Monopoli)
Sofia Varaldi Taeko (2003, 1.85, SSD Laposmile Torino)
Sara Volpe (2003, 1.77, Libertas Gym and Basket)

Staff
Delegata al Progetto: Mara Invernizzi
Responsabile Organizzativo: Marco Gatta
Responsabile Tecnico: Giovanni Lucchesi
Assistenti: Davide Malakiano, Angela Adamoli
Tutor: Carolina Gatta
Staff Medico e Fisioterapico designato dal CONI ]]>
Wed, 11 Sep 2019 16:54:00 UTC
<![CDATA[Nazionali 3x3 - FIBA Women’s Series, Udine. Con due Nazionali azzurre da sabato 14 settembre ]]> Si gioca, ad Udine, la terza tappa italiana della FIBA 3x3 Women's Series dopo quelle di Torino e Lignano. L'Italia partecipa con la Nazionale Open e la Nazionale U23 insieme a Francia, Paesi Bassi, Romania, Polonia e Rep. Ceca U23. Non sarà presente l'Ucraina che ha dato forfeit. Le gare avranno inizio alle 15:10 e si giocherà presso il Centro Commerciale Parco Terminal Nord Udine.
Qui di seguito la convocazione delle squadre con il calendario delle partite che saranno tutte trasmesse sulla pagina YouTube FIBA 3x3.
---------------------
Il Settore Squadre Nazionali 3x3, in occasione della partecipazione al Torneo Internazionale FIBA Women’s Series in programma a Udine dal 14 al 15 settembre (con inizio raduno il 13 settembre, fine raduno il 16 settembre) 2019 convoca

Nazionale Open
1. D’Alie Rae Lin Marie (1987, 160, Libera da contratto)
2. Filippi Marcella (1985, 186, San Martino di Lupari)
3. Rulli Giulia (1991, 185, Basket Costa x L’Unicef)
4. Zampieri Arianna (1988, 183, Geas Basket Sesto San Giovanni)

Nazionale Under 23
1. Ianezic Giulia (2000, 181, Lib. Sporting Basket School Udine)
2. Nasraoui Meriem (2002, 184, Basket Costa x L’Unicef)
3. Rosini Clara (2002, 179, Futurosa Forna Basket Trieste)
4. Trucco Valeria (1999, 192, Lib. Moncalieri)

Staff
Allenatore Angela Adamoli
Team Director Giancarlo Migliola
Team Manager Maria Cristina Curcio


Programma

13 settembre
Raduno

14 settembre
FIBA 3x3 Women's Series
Centro Commerciale Parco Terminal Nord Udine

Girone A: Francia, Paesi Bassi, Romania e Italia Under 23

Girone B: Italia, Polonia e Rep. Ceca U23

15:10 Italia U23-Francia
15:50 Italia-Rep. Ceca U23
16:30 Italia U23-Romania
17:10 Italia-Polonia
17:50 Paesi Bassi-Italia U23


15 settembre
Dalle 15:30 Eventuali Quarti, Semifinali e Finali

Tutte le gare in diretta streaming sulla pagina di YouTube FIBA 3x3
]]>
Tue, 10 Sep 2019 15:28:00 UTC
<![CDATA[Comitati Regionali e Provinciali - Madonna del Ponte, Basket Day a Porretta Terme il 14 settembre per la patrona della pallacanestro ]]> La Federazione Italiana Pallacanestro, attraverso il Comitato Regionale FIP Emilia-Romagna, prosegue nelle iniziative per il riconoscimento canonico della Madonna del Ponte di Porretta Terme (Bologna), quale Patrona Nazionale del basket. La prossima è Madonna del Ponte, Basket Day prevista per sabato 14 settembre proprio a Porretta Terme dove già nel tempo si sono svolte più manifestazioni tra cui quella grande dell'aprile 2015 a testimonianza della devozione del mondo della pallacanestro alla Madonna del Ponte.

In tal senso, Sua Santità Papa Francesco, nel corso dell'udienza generale del 24 giugno 2014, aveva benedetto in piazza San Pietro una fiaccola olimpica ed una lampada votiva portate dalla comunità di Porretta Terme e dal presidente del Comitato Regionale, Stefano Tedeschi, e collocate poi all'interno del Santuario della Madonna del Ponte.

La Conferenza Episcopale Italiana, lo scorso 14 gennaio 2019, nel cogliere i motivi per cui si è chiesto il riconoscimento e per dar seguito all'iter canonico di approvazione, ha chiesto di completare la documentazione già prodotta con un dossier che raccolga firme di atleti, squadre, dirigenti ed Associazioni da tutto il territorio nazionale, a conferma e testimonianza di quanto possa essere diffusa la devozione alla Madonna del Ponte in Italia.

Questo processo è quasi terminato e, quindi, la FIP, in stretta collaborazione col Comune di Alto Reno Terme, la Curia Arcivescovile di Bologna, il CONI. ed alcune importanti realtà economiche e sportive del territorio, ha organizzato il primo Madonna del Ponte, Basket Day per la patrona del cestista, in programma a Porretta Terme, sabato 14 settembre.

Il Basket Day prevede un saluto degli atleti al Santuario della Madonna del Ponte (con ritrovo alle 14:30 in Piazza Vittorio Veneto) e due gare amichevoli: alle ore 17, presso il PalaItis (di Porretta Terme, in via Daldi e Matteucci Fratelli), scenderanno in campo le società di serie B femminile Basket Cavezzo e Florence Firenze. A seguire, alle 19:00, la gara di serie D maschile tra i Giardini Margherita Bologna ed il Bottegone Pistoia. L’ingresso gratuito per entrambe le gare.

]]>
Tue, 10 Sep 2019 09:34:00 UTC
<![CDATA[Lutti - Ci ha lasciati Roberto Maltinti. Le condoglianze del presidente Petrucci ]]> E' morto a 71 anni Roberto Maltinti, ex presidente del Pistoia Basket 2000 ed imprenditore. Lo animava una grande passione per lo sport sia professionistico, sia come importante espressione di socialità.

Alla famiglia Maltinti l'abbraccio forte e le sentite condoglianze del presidente Petrucci, a titolo personale, a nome del Consiglio Federale e della pallacanestro italiana. ]]>
Mon, 9 Sep 2019 08:49:00 UTC
<![CDATA[Nazionali 3x3 - FIBA 3x3 U18 Europe Cup, Tbilisi (Georgia). L'Italia non accede alla Semifinale ]]> Eliminata al supplementare. La Nazionale 3x3 U18 non accede ai Quarti freddata dal tiro da 2 dell'israeliano Omer Sadeh dopo neanche due secondi dall'inizio dell'overtime. Sadeh segna quasi da centrocampo, lasciato troppo libero nella prima azione, ma tanto basta: nel 3x3 il supplementare lo vince la squadra che segna per prima due punti. Esattamente quello che ha fatto Israele.

"Questa sconfitta ci lascia l'amaro in bocca -commenta Andrea Capobianco, allenatore delle Nazionale 3x3 U18- abbiamo perso contro Israele che ha dimostrato di essere un'ottima squadra (e che vincerà la medaglia di Bronzo, ndr). Siamo però nelle prime otto squadre in Europa e questo è sicuramente un passo in avanti rispetto al passato. La mancanza d'esperienza ci ha impedito di chiudere la partita con Israele quando ne abbiamo avuto la possibilità e di giocare poi per le partite per il podio. Peccato"

L'Italia ha giocato con grande intensità l'Europeo e in particolare il Quarto di finale con Israele, squadra sorpresa di questo campionato, recuperando due svantaggi e per due volte portandosi in avanti fino al pareggio israeliano (14-14) a 1'09" dalla fine. Ultimo minuto da combattimento per entrambe le squadre che non giocano bene, ma si tengono a contatto. L'Italia gioca anche il pallone della possibile vittoria negli ultimi otto secondi del tempo regolamentare, ma sbaglia. Si va al supplementare che dura però troppo poco.


Italia-Israele 16-18
Italia. Parravicini 10, Doneda 1, Borsetto 2, Picarelli 3. All. Capobianco


Le gare di Qualificazione

Italia-Romania 21-10
Italia. Borsetto 2, Doneda, Parravicini 9, Picarelli 10. All. Capobianco.

Italia-Serbia 15-21
Italia. Borsetto 1, Doneda 2, Parravicini 5, Picarelli 7. All. Capobianco.

---------------------------------------

La Nazionale
Borsetto Marco (2001, 200, Petrarca Basket)
Doneda Simone (2001, 205, Porto S. Elpidio Basket)
Parravicini Matteo (2001, 186, Pallacanestro Varese)
Picarelli Matteo Italo (2001, 188, svincolato)

Lo Staff
Allenatore Andrea Capobianco
Fisioterapista Remo Bifolchi
Medico Federico Martello
Team Manager Matteo Massacesi



]]>
Sun, 8 Sep 2019 13:44:00 UTC
<![CDATA[Nazionale A maschile - FIBA World Cup. Italia-Portorico 94-89 dts (27 Belinelli). Finisce il Mondiale degli Azzurri. Meo: "Che questa esperienza serva a tutti per migliorare ancora" ]]> Wuhan. All’inferno e ritorno, passando per un overtime. Non è banale la vittoria con cui l’Italia chiude la FIBA World Cup 2019. Gli Azzurri, ancora delusi dalla sconfitta contro la Spagna maturata solo nei minuti finali, lasciano il primo tempo al Portorico e risorgono nel secondo agguantando il successo solo dopo cinque minuti supplementari. Dalle profondità del -26, i ragazzi di Sacchetti riemergono con carattere sopperendo anche alle assenze dell’ultima ora: non disponibili Alessandro Gentile per un affaticamento muscolare durante il riscaldamento e Gigi Datome, che ha stretto i denti fino all’ultimo ma poi ha dovuto arrendersi per il riacutizzarsi del dolore al ginocchio operato.
Le scorie delle ultime due probanti partite contro Serbia e Spagna hanno lasciato strascichi sotto ogni punto di vista ma la grinta degli Azzurri, alla fine, ha detto l’ultima parola su un Mondiale che va in archivio con il grosso rammarico per non aver centrato i quarti di finale ma anche con l’iniezione di fiducia di un pre olimpico che lascia ancora aperte le porte per la qualificazione ai Giochi di Tokyo 2020.

Così il CT: “Nello spogliatoio all’intervallo, ho detto ai ragazzi che non volevo che ci ricordassero per la più brutta sconfitta della Nazionale in un Mondiale. Non c’è stato bisogno di dire altro: la reazione del secondo tempo mi è piaciuta e rimontare da -26 non è stato facile. Ci siamo riusciti anche se nel finale ci siamo complicati la vita. I ragazzi ci tenevano e si è visto. Se non si ha testa per giocare, a questo livello si può andare in difficoltà contro ogni Nazionale. Il Portorico è una squadra che corre e che si esalta nei momenti buoni e noi per tutto il primo tempo abbiamo subito questa loro euforia. Mi sono piaciute anche le risposte che ho avuto da giocatori che in questo Mondiale hanno giocato meno. Demeriti per il primo tempo e meriti per il secondo. Un bilancio? Delusione per come è andata contro la Spagna e consapevolezza che il livello fisico e di stazza tra noi e le squadre migliori, al momento è abissale. Spero che tutti i giocatori, non solo i 12 che sono qui ma anche tutti quelli a casa e soprattutto i ragazzi giovani, capiscano che l’unico modo per competere è lavorare sodo sotto ogni aspetto non risparmiandosi mai e andando sempre oltre i propri limiti”.

Danilo Gallinari: “Lo scoramento per la sconfitta contro la Spagna è ancora ben presente. Aver perso in quel modo ci ha tolto energie fisiche e mentali e non è semplice giocare partite così intense a distanza ravvicinata una dall’altra. Siamo stati bravi nel secondo tempo a reagire e a portarci a casa la vittoria nonostante non fosse facile visto l’entusiasmo dei portoricani. Ora è il momento di pensare alla stagione NBA e soprattutto al grande appuntamento Azzurro del prossimo anno: il pre olimpico”.

Il primo tempo è un incubo. Funestata già dalle assenze forzate di capitan Datome e Gentile, la serata degli Azzurri inizia malissimo. Il Portorico parte forte 8-2, incassa la flebile reazione dell’Italia (9-9) e capisce subito che la serata potrebbe essere favorevole. La squadra di coach Casiano trova poca opposizione e approfitta di ogni occasione giocando sull’entusiasmo. Ne scaturisce un +20 (46-26) che non mente sull’andamento dei primi 20 minuti. A favore di Balkman e compagni anche il dato dei rimbalzi nel primo tempo (30-12). La scossa che ci si aspetta al rientro dagli spogliatoi arriva, ma non prima di aver toccato le profondità del -26 (33-59). E’ da quei fondali che l’Italia riemerge con pazienza e soprattutto con armi differenti: la difesa si stringe, gli spazi per il Portorico diminuiscono e in attacco Belinelli e Gallinari (22 punti) sono più precisi. Meo pesca dalla panchina e trova benefici evidenti per la squadra. Al fianco di Paul Biligha (10), in crescendo il suo Mondiale, ecco Abass, Filloy e uno straordinario Amedeo Tessitori (career high in Nazionale per lui questa sera con 12 punti). Anche su di loro poggia la rimonta, che si concretizza prima con tre triple consecutive (due di Beli, poi MVP Fiba con 27 punti finali, e una di Filloy) e poi con la schiacciata di Abass (14) per il sorpasso (70-68). I portoricani barcollano ma non si lasciano andare e, complici un paio di palloni persi malamente dagli Azzurri, acciuffano in extremis il supplementare (83-83). Il protagonista dell’overtime è ancora Tessitori, che sul 90-87 stoppa la tripla di Rodriguez sul nascere scegliendo alla grande il tempo di intervento. Finisce 94-89.
Nel match serale la Spagna ha battuto la Serbia 81-69 conquistando il primato nel girone J.


I tabellini della seconda fase (Wuhan)

Italia-Portorico 94-89 dts (13-24, 13-22, 24-18, 33-19, 11-6)
Italia: Della Valle (0/2 da tre), Belinelli* 27 (4/9, 3/8), Gentile ne, Biligha* 10 (4/6), Vitali L. ne, Gallinari* 22 (2/7, 3/7), Hackett* 3 (0/4, 0/1), Filloy 6 (1/2, 1/3), Brooks 0 (0/1), Tessitori 12 (6/6), Abass* 14 (6/7, 0/4), Datome ne. All: Sacchetti
Portorico: Pineiro 6 (2/4, 0/3), Clemente 9 (4/6, 0/1), Collier 7 (3/7), Browne* 13 (6/13, 0/1), Diaz* 3 (1/3), Rodriguez 13 (4/6, 1/3), Clavell 6 (0/4, 2/6), Huertas* 11 (2/3, 1/7), Balkman* 14 (5/9, 0/2), Franklin 7 (2/4, 1/1), Brady, Mojica (0/2). All: Casiano

Tiri da due Ita 23/42, Pur 29/61; Tiri da tre Ita 7/25, Pur 5/24; Tiri liberi Ita 27/36, Pur 16/22. Rimbalzi Ita 41 (8 Abass), Pur 49 (9 Clemente). Assist Ita 23 (5 Gallinari), Pur 14 (5 Rodriguez).
Usciti 5 falli: Filloy, Rodriguez
Note: Antisportivo a Hackett (33-55), antisportivo a Huertas (44-61), antisportivo a Belinelli (90-85)
Arbitri: Locatelli (Bra), Tomasovic (Svk), Kozlovskis (Let)
Spettatori: 4264

Spagna-Serbia 81-69 (13-20, 32-17, 22-19, 14-13)
Spagna: Colom, Fernandez* 7 (1/4 da tre), Ribas 5 (1/2 da tre), Rubio* 19 (3/10, 2/3), Claver 14 (4/5, 1/2), Gasol M.* 11 (4/5, 0/5), Hernangomez W. 7 (3/5, 0/1), Oriola* 6 (2/2, 0/1), Rabaseda ne, Llull 9 (0/3, 3/9), Beiran ne, Hernangomez J.* 3 (1/2 da tre). All: Scariolo
Serbia: Simonovic, Bogdanovic* 26 (7/9, 2/5), Bjelica 3 (0/1, 0/4), Lucic* 8 (1/3, 0/2), Raduljica 7 (2/6), Bircevic* 3 (0/1, 1/1), Jokic 6 (2/3, 0/1), Milutinov* 7 (3/4), Micic 5 (1/3, 0/2), Guduric (0/1, 0/1), Jovic* 4 (2/2, 0/3), Marjanovic. All: Djordjevic

Tiri da due Spa 16/30, Ser 18/33; Tiri da tre Spa 9/29, Ser 3/19; Tiri liberi Spa 22/26, Ser 24/27. Rimbalzi Spa 35 (7 Claver), Ser 33 (10 Bogdanovic). Assist Spa 21 (6 Gasol M.), Ser 15 (6 Bogdanovic).


Italia-Spagna 60-67 (18-18, 13-12, 17-20, 12-17)
Italia: Della Valle 6 (3/5, 0/1), Belinelli* 7 (3/10, 0/6), Gentile 7 (3/8, 0/1), Biligha* 6 (3/5), Vitali L. (0/2), Gallinari* 15 (3/4, 2/5), Hackett* 5 (0/2, 1/3), Filloy ne, Brooks 1 (0/1, 0/1), Tessitori 1 (0/1), Abass ne, Datome* 12 (4/7, 1/3). All: Sacchetti
Spagna: Colom ne, Fernandez* 5 (0/1, 1/5), Ribas 5 (1/1, 1/3), Rubio* 15 (3/8, 1/3), Claver* 7 (2/2, 1/2), Gasol M.* 2 (1/6), Hernangomez W. 4 (2/5), Oriola 2 (1/2), Rabaseda ne, Llull 11 (3/6, 1/6), Beiran ne, Hernangomez J.* 16 (5/7, 1/3). All: Scariolo

Tiri da due Ita 19/45, Spa 18/38; Tiri da tre Ita 4/20, Spa 6/23; Tiri liberi Ita 10/15, Spa 13/17. Rimbalzi Ita 36 (8 Hackett), Spa 43 (9 Claver). Assist Ita 11 (4 Belinelli), Spa 12 (5 Fernandez).
Usciti 5 falli: Datome
Note: Tecnico a panchina Spagna (23-22), tecnico a Scariolo (35-37),
Arbitri: Anderson (Usa), Locatelli (Bra), Bermudez Mariscal (Mes)
Spettatori: 2849

Serbia-Portorico 90-47 (23-14, 26-12, 22-13, 19-8)
Serbia: Simonovic 5 (1/2, 1/4), Bogdanovic* 5 (0/3, 1/5), Bjelica 18 (2/4, 4/6), Lucic* 4 (2/2, 0/1), Raduljica 4 (2/2), Bircevic* 12 (2/2, 2/5), Jokic 14 (6/7, 0/1), Milutinov, Micic (0/1 da tre), Guduric 10 (1/1, 2/5), Jovic* 2 (1/1, 0/1), Marjanovic* 16 (7/8). All: Djordjevic
Portorico: Pineiro 6 (2/4, 0/1), Clemente (0/1, 0/1), Collier 8 (4/8), Browne* 2 (1/2, 0/3), Diaz* 2 (1/3), Rodriguez 3 (0/2, 0/5), Clavell 7 (1/4, 1/6), Huertas* 11 (3/4, 1/4), Balkman* 4 (2/5), Franklin (0/1, 0/1), Brady 2 (0/1, 0/1), Mojica 2 (1/4, 0/2). All: Casiano

Tiri da due Ser 24/32, Pur 15/40; Tiri da tre Ser 10/29, Pur 2/24; Tiri liberi Ser 12/16, Pur 11/11. Rimbalzi Ser 48 (10 Jokic), Pur 26 (5 Rodriguez, Collier). Assist Ser 30 (9 Jovic), Pur 11 (4 Rodriguez).
Arbitri: Maranho (Bra), Kozlovskis (Let), Tomasovic (Svk)
Spettatori: 3.700


I tabellini della prima fase (Foshan)

Italia-Serbia 77-92 (23-28, 19-22, 15-20, 20-22)
Italia: Della Valle (0/1 da tre), Belinelli* 15 (2/4, 3/5), Gentile 11 (1/5, 1/1), Biligha* (0/1), Vitali L., Gallinari* 26 (5/8, 3/5), Hackett* 13 (2/4, 2/6), Filloy ne, Brooks 2 (1/1, 0/1), Tessitori, Abass 5 (1/3 da tre), Datome* 5 (0/2, 1/4). All: Sacchetti
Serbia: Simonovic (0/1), Bogdanovic* 31 (4/10, 6/11), Bjelica 5 (1/5, 1/4), Lucic* 2 (1/2, 0/1), Raduljica 12 (0/1), Bircevic*, Jokic 15 (5/6), Milutinov* 4 (1/1), Micic 6 (2/3), Guduric (0/1, 0/3), Jovic* 11 (1/3, 3/5), Marjanovic 6 (2/2). All: Djordjevic

Tiri da due Ita 11/25, Ser 17/35; Tiri da tre Ita 11/26, Ser 10/24; Tiri liberi Ita 22/30, Ser 28/34. Rimbalzi Ita 27 (8 Gallinari), Ser 35 (7 Bjelica). Assist Ita 11 (4 Belinelli), Ser 24 (9 Bjelica).
Usciti 5 falli: Lucic
Note: Antisportivo a Vitali (18-20), tecnico a Brooks (62-73), antisportivo a Gallinari (65-76), antisportivo a Hackett e Jokic (71-90)
Arbitri: Anderson (Usa), Rosso (Fra), Yu Jung (Tpe)
Spettatori: 15.000

Angola-Filippine 84-81 dts (21-20, 17-14, 18-12, 17-27, 11-8)
Angola: Domingos* 5 (1/5, 0/3), Moreira* 12 (6/11), Goncalves 5 (1/2, 1/2), Cipriano ne, Morais* 11 (2/6, 1/4), Paulo 6 (2/3, 0/1), Antonio* 3 (0/3, 1/3), Mingas ne, Mbunga (0/1), Moore 12 (1/3, 3/5), Joaquim* 20 (5/8, 1/2), Conceicao 10 (2/4, 2/5). All: Voigt
Filippine: Blatche* 23 (6/12, 2/7), Dalistan 3 (1/3 da tre), Ravena 6 (1/5, 0/3), Norwood (0/1 da tre), Bolick 10 (2/3, 2/6), Barroca* 4 (2/2, 0/3), Fajardo 2 (0/1), Pogoy* 8 (1/1, 2/6), Perez 17 (3/5, 3/8), Rosario (0/3, 0/4), Almazan, Aguilar 8 (4/9, 0/2). All: Guiao

Tiri da due Ang 20/46, Fil 19/41; Tiri da tre Ang 9/25, Fil 10/46; Tiri liberi Ang 17/23, Fil 13/16. Rimbalzi Ang 50 (15 Moreira), Fil 53 (12 Blatche). Assist Ang 18 (6 Paulo), Fil 16 (4 Ravena).
Arbitri: Locatelli (Bra), Mikheyev (Kaz), Beker (Aus)
Spettatori: 5.500

Italia-Angola 92-61 (25-11, 19-10, 26-21, 22-19)
Italia: Della Valle 8 (1/2, 2/6), Belinelli* 17 (2/6, 3/6), Gentile 8 (1/5, 1/1), Biligha* 3 (1/2), Vitali L., Gallinari* 7 (3/5, 0/2), Hackett* 11 (2/3, 1/4), Filloy (0/1 da tre), Brooks 11 (4/4, 1/2), Tessitori 8 (4/5, 0/1), Abass 11 (1/2, 3/5), Datome* 8 (2/2, 1/2). All: Sacchetti
Angola: Domingos* 5 (1/4, 1/3), Moreira* 15 (7/12), Goncalves 3 (1/3, 0/1), Cipriano 4 (2/4, 0/6), Morais* 10 (3/9, 1/4), Paulo 12 (4/4), Antonio* 4 (1/2, 0/3), Mingas 2 (1/3), Mbunga ne, Moore* (0/1, 0/1), Joaquim 6 (3/5), Conceicao ne. All: Voigt

Tiri da due Ita 21/36, Ang 23/47; Tiri da tre Ita 12/30, Ang 2/18; Tiri liberi Ita 14/22, Ang 9/15. Rimbalzi Ita 42 (11 Brooks), Ang 35 (8 Moreira). Assist Ita 16 (3 Hackett), Ang 6 (2 Morais).
Note: Antisportivo a Vitali (68-36). Antisportivo a Gentile (92-61). Doppio antisportivo a Paulo (92-61). Espulso Paulo (92-61).
Arbitri: Anderson (Usa), Kozlovskis (Let), Mikheyev (Kaz)
Spettatori: 5.000

Serbia-Filippine 126-67 (28-13, 34-22, 37-13, 27-19)
Serbia: Simonovic 7 (2/2, 1/2), Bogdanovic* 17 (2/3, 4/5), Bjelica 20 (4/4, 3/3), Lucic* 4 (2/2, 0/1), Raduljica 13 (4/6), Bircevic* 6 (1/1, 1/4), Jokic 11 (4/4, 1/1), Milutinov* 10 (4/4), Micic* 11 (4/4, 1/2), Guduric 12 (2/2, 1/5), Jovic 6 (3/6), Marjanovic 9 (4/4). All: Djordjevic
Filippine: Blatche* 5 (1/3, 1/7), Dalistan* 15 (6/8, 0/5), Ravena 5 (0/1, 1/4), Norwood* (0/1 da tre), Bolick 7 (1/2, 1/3), Barroca, Fajardo 8 (3/7), Pogoy 2 (1/3, 0/2), Perez 16 (5/9, 1/2), Rosario* 2 (1/2), Almazan (0/2), Aguilar* 7 (3/6). All: Guiao

Tiri da due Ser 36/42, Fil 21/43; Tiri da tre Ser 12/22, Fil 4/24; Tiri liberi Ser 18/22, Fil 13/18. Rimbalzi Ser 37 (7 Jokic), Fil 23 (6 Fajardo). Assist Ser 37 (7 Micic, Jokic), Fil 14 (6 Blatche).
Usciti 5 falli: Blatche
Arbitri: Locatelli (Bra), Yu Jung (Tpe), Rosso (Fra)
Spettatori: 6.000


Italia-Filippine 108-62 (37-8, 25-16, 23-15, 23-23)
Italia: Della Valle 17 (1/2, 3/7), Belinelli* 9 (4/4, 0/2), Gentile 6 (0/3, 1/1), Biligha* 8 (4/7), Vitali L. 2 (1/1, 0/2), Gallinari* 16 (1/1, 4/5), Hackett* 7 (2/5 da 3), Filloy 7 (2/3, 1/3), Brooks 8 (2/3, 1/2), Tessitori 9 (4/7), Abass 2 (1/1, 0/1), Datome* 17 (4/4, 3/3). All: Sacchetti
Filippine: Blatche* 15 (5/8, 1/5), Dalistan 2 (1/1, 0/3), Ravena* 5 (1/4, 1/5), Norwood (0/1, 0/3), Bolick 6 (1/3, 0/2), Barroca* 2 (1/1, 0/1), Fajardo 9 (3/4), Pogoy* 2 (1/2, 0/1), Perez 15 (6/10, 1/2), Rosario 2 (1/1, 0/1), Almazan 2 (1/2), Aguilar* 2 (1/4). All: Guiao

Tiri da due Ita 24/36, Fil 22/41; Tiri da tre Ita 15/31, Fil 3/23; Tiri liberi Ita 15/21, Fil 9/12. Rimbalzi Ita 38 (8 Tessitori), Fil 34 (10 Blatche). Assist Ita 30 (5 Vitali), Fil 10 (3 Perez).
Note: Fallo tecnico a Ravena (65-26)
Arbitri: Anderson (Usa), Rosso (Fra), Yu (Tpe)
Spettatori: 12.000

Angola-Serbia 59-105 (20-29, 12-21, 15-28, 12-27)
Angola: Domingos* 6 (1/4, 0/5), Moreira* 8 (3/8), Goncalves (0/2, 0/2), Cipriano (0/1, 0/1), Morais* 15 (3/4, 3/6), Paulo 10 (4/7, 0/1) Antonio 6 (2/3 da tre), Mingas 2 (1/2), Mbunga (0/1), Moore 6 (0/1, 2/5), Joaquim 6 (1/3, 1/2), Conceicao (0/1 da tre). All: Voigt
Serbia: Simonovic* 5 (1/1, 1/1), Bogdanovic* 24 (3/3, 5/7), Bjelica ne, Lucic 7 (1/2), Raduljica (0/2), Bircevic* 7 (2/4, 1/2), Jokic 14 (1/2, 3/3), Milutinov 14 (4/6), Micic 8 (3/5), Guduric 9 (3/4 da tre), Jovic* 5 (2/2, 0/2), Marjanovic* 12 (6/8, 0/1). All: Djordjevic

Tiri da due Ang, Ser; Tiri da tre Ang, Ser; Tiri liberi Ang, Ser. Rimbalzi Ang, Ser. Assist Ang, Ser.
Arbitri: Locatelli (Bra), Kozlovskis (Let), Beker (Aus)
Spettatori: 11.000


Girone D

Sabato 31 agosto
Angola-Serbia 59-105
Filippine-Italia 62-108

Lunedì 2 settembre
Italia-Angola 92-61
Serbia-Filippine 126-67

Mercoledì 4 settembre
Angola-Filippine 84-81 dts
Italia-Serbia 77-92


La classifica*

Serbia 6 (3/0)
Italia 5 (2/1)
Angola 4 (1/2)
Filippine 3 (0/3)

*FIBA assegna due punti per la vittoria e un punto per la sconfitta


Girone J

Venerdì 6 settembre
Serbia-Portorico 90-47
Italia-Spagna 60-67

Domenica 8 settembre
Italia-Portorico 94-89 dts
Spagna-Serbia 81-69

La classifica*

Spagna 10 (5/0)**
Serbia 9 (4/1)**
Italia 8 (3/2)
Portorico 7 (2/3)

*FIBA assegna due punti per la vittoria e un punto per la sconfitta
**Qualificate ai quarti di finale

]]>
Sun, 8 Sep 2019 13:01:00 UTC
<![CDATA[Nazionale A maschile - FIBA World Cup. Oggi a Wuhan Italia-Portorico (10.30 italiane, Sky Sport Uno e Arena). Le parole di Sacchetti e Datome ]]> Wuhan. Il day after della sconfitta contro la Spagna, che di fatto ha eliminato l’Italia dalla corsa ai quarti di finale della FIBA World Cup 2019, è già vigilia. Gli Azzurri, domani ore 10.30 italiane in diretta su Sky Sport Uno e Arena, chiuderanno la rassegna iridata sfidando il Portorico, formazione anch’essa già eliminata dopo la sconfitta di ieri contro la Serbia.
Onorare il Mondiale e soprattutto la Maglia è l’obiettivo primario dei ragazzi di coach Sacchetti, che nel pomeriggio cinese si sono ritrovati in palestra proprio per preparare la partita contro i centroamericani.
Nelle dichiarazioni del post Spagna, oltre alla naturale amarezza per l’esito del match perso contro gli iberici, CT e squadra hanno sottolineato come sia volontà del gruppo chiudere nella maniera migliore possibile l’avventura cinese.

Così Meo Sacchetti: “Siamo dispiaciuti per la sconfitta di ieri ma allo stesso tempo siamo concentrati sull’ultima partita. Per noi Portorico significa finire in un certo modo il Mondiale e soprattutto rispettare la Maglia che indossiamo. Dobbiamo farlo per noi e per tutti coloro che tifano Italia. Subito dopo potremo cominciare a parlare del futuro ma per il momento ho detto ai ragazzi che non c’è altro modo di chiudere”.

Senza mezzi termini Capitan Datome: “La delusione è ancora molto forte ma dobbiamo rimanere concentrati perché il Mondiale non è ancora finito. Io e i miei compagni vogliamo vincere contro il Portorico. Sappiamo che molte persone ci guarderanno da casa e con questa Maglia addosso non possiamo prendere sotto gamba nessun impegno. Vogliamo chiudere la competizione a testa alta. Il futuro? Abbiamo un pre olimpico tra un anno. Se sarò convocato e se sarò sano, ci sarò. Ci sono sempre stato dal 2001 e voglio esserci ancora”.

Squadra poco arrendevole, il Portorico ha faticato e non poco nella prima fase, riuscendo però a battere Iran (83-81) e Tunisia (67-64), entrambe nel finale e facendo poi una buona figura contro la Spagna (63-73). Le punte di coach Casiano sono David Huertas, 15 punti di media a partita, e Renaldo Balkman, 4.8 rimbalzi per gara. Con loro anche Gian Clavell, ex compagno di squadra di Alessandro Gentile all’Estudiantes Madrid. Sono sei i precedenti degli Azzurri contro Portorico al Mondiale: una sola sconfitta, nel 1963 a Rio de Janeiro (72-75).

I 12 Azzurri per la FIBA World Cup

#00 Amedeo Della Valle (1993, 194, G, A|X Armani Exchange Milano)
#3 Marco Belinelli (1986, 196, G, San Antonio Spurs - NBA)
#5 Alessandro Gentile (1992, 200, G/A, - )
#6 Paul Biligha (1990, 200, C, A|X Armani Exchange Milano)
#7 Luca Vitali (1986, 201, P, Germani Basket Brescia)
#8 Danilo Gallinari (1988, 208, A, Oklahoma City Thunder - NBA)
#10 Daniel Hackett (1987, 199, G, CSKA Mosca - Rus)
#12 Ariel Filloy (1987, 190, P, Umana Reyer Venezia)
#15 Jeff Brooks (1989, 203, A, A|X Armani Exchange Milano)
#16 Amedeo Tessitori (1994, 208, C, De’ Longhi Treviso)
#23 Awudu Abass (1993, 198, A, Germani Basket Brescia)
#70 Luigi Datome (1987, 203, A, Fenerbahce - Tur)
Commissario Tecnico: Meo Sacchetti


Portorico

#0 Isaiah Pineiro (1995, 201, A, Sacramento Kings – NBA)
#1 Ramon Clemente (1985, 200, A, Astros – Mes)
#7 Devon Collier (1991, 204, A, Capitanes de Arecibo)
#9 Gary Browne (1993, 185, G, San German)
#12 Jorge Bryan Diaz (1989, 211, C, Piratas de Quebradillas)
#13 Angel Rodriguez (1992, 180, P, Rio Grande Valley Vipers – G League)
#24 Gian Clavell (1993, 193, G, - )
#33 David Huertas (1987, 195, G, Fuerza Regia - Mes)
#34 Renaldo Balkman (1984, 200, A, Capitanes de Arecibo)
#42 Alexander Franklin (1988, 196, Piratas de Quebradillas)
#43 Christopher Brady (1995, 208, C, Ehime OV - Gia)
#44 Javier Mojica (1984, 186, G, Bayamon)
All: Eddie Casiano


Girone J

Venerdì 6 settembre
Serbia-Portorico 90-47
Italia-Spagna 60-67

Domenica 8 settembre
Ore 16.30 Italia-Portorico (10.30 italiane, diretta Sky Sport Uno e Arena)
Ore 20.30 Serbia-Spagna (14.30 italiane, diretta Sky Sport Arena)

La classifica*

Serbia 8 (4/0)**
Spagna 8 (4/0)**
Italia 6 (2/2)
Portorico 6 (2/2)

*FIBA assegna due punti per la vittoria e un punto per la sconfitta
**Già qualificate ai quarti di finale

Ufficio Stampa Fip


]]>
Sat, 7 Sep 2019 15:02:00 UTC
<![CDATA[Nazionale A maschile - FIBA World Cup. Italia-Spagna 60-67. Azzurri eliminati. Le parole di Sacchetti, Petrucci e Datome. Domenica chiusura contro il Portorico (10.30 italiane, Sky Sport Uno e Arena) ]]> Wuhan. Niente da fare. L’Italia perde 60-67 contro la Spagna e dice addio ai quarti di finale della FIBA World Cup 2019. Gli Azzurri, eliminati, chiuderanno la competizione affrontando il Portorico, anch’esso già out dopo la sconfitta contro la Serbia (90-47), domenica 8 settembre alle 10.30 italiane (diretta Sky Sport Uno e Arena). Comunque vada l’ultima partita, la Nazionale tornerà in Italia con il pass per uno dei tornei pre olimpici del prossimo anno. Resta dunque intatto il sogno di poter partecipare ai Giochi di Tokyo 2020.
E’ davvero grande il rammarico per aver sprecato l’occasione di battere una Spagna ostica ma comunque alla portata. Non è bastata una prova gagliarda in difesa fin dalle prime battute e nemmeno il ritorno di fiamma nel momento peggiore del match, quando gli iberici hanno provato a scappare.

Così il CT: “Questa sconfitta è dura da digerire perché ci avevamo creduto. Siamo partiti molto bene e quando la Spagna è tornata sotto abbiamo trovato le energie per rimetterci in corsa. Nel finale abbiamo fatto poco canestro. I ragazzi hanno fatto quasi tutto quello che potevano e di certo ora non è il momento di cercare imputati. Ha perso la squadra e il rammarico è grande. Quando i dettagli nel finale fanno la differenza i palloni pesano e non siamo stati bravi ad approfittare del vantaggio che avevamo accumulato. Ora vogliamo onorare il Mondiale e la Maglia giocando al meglio l’ultima partita contro il Portorico. Poi sarà il momento di fare tutte le valutazioni del caso senza dimenticare che torniamo in Italia avendo conquistato il pass per i tornei pre olimpici. Ho molto rispetto per tutti i giocatori che fin qui hanno sudato e lavorato tanto”.

Il Presidente Fip Giovanni Petrucci: “Bisogna essere realisti: la Spagna ha meritato e a loro vanno i complimenti. Detto ciò, questo risultato ci va stretto perché durante il match abbiamo pensato di potercela fare. Il compito di un dirigente è pensare al futuro. Ora vogliamo chiudere con onore il Mondiale e poi concentrarci sui prossimi due importanti eventi che ci attendono, ovvero il torneo pre olimpico dell’anno prossimo e l’organizzazione di un girone dell’EuroBasket 2021 a Milano. Spetta al Commissario Tecnico, poi, fare valutazioni sulla squadra. Ai ragazzi e allo staff non posso rimproverare nulla, ma anzi sottolinearne il grande impegno. Torniamo a casa avendo ottenuto il risultato minimo e consapevoli che avremmo potuto fare qualcosa in più. E’ tempo di tornare a rimboccarsi le maniche senza fare tragedie ma cogliendo l’occasione per lavorare ancor più duramente per le prossime stagioni”.

Molto deluso il Capitano, Luigi Datome: “Mi assumo le mie responsabilità. Abbiamo gettato al vento una stupenda occasione. L’inizio è stato buono ma poi, quando si è arrivati punto a punto nel finale non abbiamo capitalizzato il grande lavoro fatto in difesa e abbiamo realizzato pochi punti. Resta un rammarico enorme per come è finita”.

Il dentro-fuori contro la Spagna comincia alla grande per gli Azzurri, che fin dalle prime battute sembrano particolarmente ispirati. Su tutti Paul Biligha, che difende forte e segna dalla media punti importanti. In attacco girano anche Belinelli, Datome e Gallinari e gli spagnoli non trovano la lucidità per ribattere: il canestro di Biligha vale il +10 dopo 6 minuti (15-5). Da grande squadra qual è, la Spagna rimette insieme i pezzi del puzzle e con Rubio e Llull trova il pareggio (18-18) a fine primo quarto. Un peccato per l’Italia non aver approfittato appieno di un buon bottino e delle 7 palle perse dagli iberici nei primi dieci minuti. Più equilibrata la seconda frazione, con la Spagna che mette il naso avanti e sorpassa grazie alla tripla di Ribas (24-28). Salgono di tono Gentile e Gallinari, con quest’ultimo che mette a segno 5 punti consecutivi proprio nel finale. All’intervallo Italia avanti 31-30. Parte male la ripresa: Juancho Hernangomez è un rompicapo per la nostra difesa e in avanti troviamo solo i 6 punti di Gigi Datome per lungo tempo (38-46). Meo manda in campo Amedeo Della Valle e da lui parte la riscossa che ci risolleva (48-50 al 30esimo). L’ultimo spicchio di gara si apre alla grande: canestro pirotecnico di Belinelli e poi Gentile, Biligha e la tripla di Gallinari che mandano l’Italia sul 56-52. Solo 2 punti totali per la Spagna dal 30esimo al 36esimo. D’improvviso, le tenebre. Complici alcuni errori al tiro e palloni persi, la Spagna costruisce un pesantissimo 10-0 ispirato da Rubio e Llull (56-62). Un colpo da ko. Finisce 60-67 per la squadra di coach Sergio Scariolo. Serbia e Spagna ai quarti di finale. Italia e Portorico eliminate.



I tabellini della seconda fase (Wuhan)

Italia-Spagna 60-67 (18-18, 13-12, 17-20, 12-17)
Italia: Della Valle 6 (3/5, 0/1), Belinelli* 7 (3/10, 0/6), Gentile 7 (3/8, 0/1), Biligha* 6 (3/5), Vitali L. (0/2), Gallinari* 15 (3/4, 2/5), Hackett* 5 (0/2, 1/3), Filloy ne, Brooks 1 (0/1, 0/1), Tessitori 1 (0/1), Abass ne, Datome* 12 (4/7, 1/3). All: Sacchetti
Spagna: Colom ne, Fernandez* 5 (0/1, 1/5), Ribas 5 (1/1, 1/3), Rubio* 15 (3/8, 1/3), Claver* 7 (2/2, 1/2), Gasol M.* 2 (1/6), Hernangomez W. 4 (2/5), Oriola 2 (1/2), Rabaseda ne, Llull 11 (3/6, 1/6), Beiran ne, Hernangomez J.* 16 (5/7, 1/3). All: Scariolo

Tiri da due Ita 19/45, Spa 18/38; Tiri da tre Ita 4/20, Spa 6/23; Tiri liberi Ita 10/15, Spa 13/17. Rimbalzi Ita 36 (8 Hackett), Spa 43 (9 Claver). Assist Ita 11 (4 Belinelli), Spa 12 (5 Fernandez).
Usciti 5 falli: Datome
Note: Tecnico a panchina Spagna (23-22), tecnico a Scariolo (35-37),
Arbitri: Anderson (Usa), Locatelli (Bra), Bermudez Mariscal (Mes)
Spettatori: 2849


Serbia-Portorico 90-47 (23-14, 26-12, 22-13, 19-8)
Serbia: Simonovic 5 (1/2, 1/4), Bogdanovic* 5 (0/3, 1/5), Bjelica 18 (2/4, 4/6), Lucic* 4 (2/2, 0/1), Raduljica 4 (2/2), Bircevic* 12 (2/2, 2/5), Jokic 14 (6/7, 0/1), Milutinov, Micic (0/1 da tre), Guduric 10 (1/1, 2/5), Jovic* 2 (1/1, 0/1), Marjanovic* 16 (7/8). All: Djordjevic
Portorico: Pineiro 6 (2/4, 0/1), Clemente (0/1, 0/1), Collier 8 (4/8), Browne* 2 (1/2, 0/3), Diaz* 2 (1/3), Rodriguez 3 (0/2, 0/5), Clavell 7 (1/4, 1/6), Huertas* 11 (3/4, 1/4), Balkman* 4 (2/5), Franklin (0/1, 0/1), Brady 2 (0/1, 0/1), Mojica 2 (1/4, 0/2). All: Casiano

Tiri da due Ser 24/32, Pur 15/40; Tiri da tre Ser 10/29, Pur 2/24; Tiri liberi Ser 12/16, Pur 11/11. Rimbalzi Ser 48 (10 Jokic), Pur 26 (5 Rodriguez, Collier). Assist Ser 30 (9 Jovic), Pur 11 (4 Rodriguez).
Arbitri: Maranho (Bra), Kozlovskis (Let), Tomasovic (Svk)
Spettatori: 3.700


I tabellini della prima fase (Foshan)

Italia-Serbia 77-92 (23-28, 19-22, 15-20, 20-22)
Italia: Della Valle (0/1 da tre), Belinelli* 15 (2/4, 3/5), Gentile 11 (1/5, 1/1), Biligha* (0/1), Vitali L., Gallinari* 26 (5/8, 3/5), Hackett* 13 (2/4, 2/6), Filloy ne, Brooks 2 (1/1, 0/1), Tessitori, Abass 5 (1/3 da tre), Datome* 5 (0/2, 1/4). All: Sacchetti
Serbia: Simonovic (0/1), Bogdanovic* 31 (4/10, 6/11), Bjelica 5 (1/5, 1/4), Lucic* 2 (1/2, 0/1), Raduljica 12 (0/1), Bircevic*, Jokic 15 (5/6), Milutinov* 4 (1/1), Micic 6 (2/3), Guduric (0/1, 0/3), Jovic* 11 (1/3, 3/5), Marjanovic 6 (2/2). All: Djordjevic

Tiri da due Ita 11/25, Ser 17/35; Tiri da tre Ita 11/26, Ser 10/24; Tiri liberi Ita 22/30, Ser 28/34. Rimbalzi Ita 27 (8 Gallinari), Ser 35 (7 Bjelica). Assist Ita 11 (4 Belinelli), Ser 24 (9 Bjelica).
Usciti 5 falli: Lucic
Note: Antisportivo a Vitali (18-20), tecnico a Brooks (62-73), antisportivo a Gallinari (65-76), antisportivo a Hackett e Jokic (71-90)
Arbitri: Anderson (Usa), Rosso (Fra), Yu Jung (Tpe)
Spettatori: 15.000

Angola-Filippine 84-81 dts (21-20, 17-14, 18-12, 17-27, 11-8)
Angola: Domingos* 5 (1/5, 0/3), Moreira* 12 (6/11), Goncalves 5 (1/2, 1/2), Cipriano ne, Morais* 11 (2/6, 1/4), Paulo 6 (2/3, 0/1), Antonio* 3 (0/3, 1/3), Mingas ne, Mbunga (0/1), Moore 12 (1/3, 3/5), Joaquim* 20 (5/8, 1/2), Conceicao 10 (2/4, 2/5). All: Voigt
Filippine: Blatche* 23 (6/12, 2/7), Dalistan 3 (1/3 da tre), Ravena 6 (1/5, 0/3), Norwood (0/1 da tre), Bolick 10 (2/3, 2/6), Barroca* 4 (2/2, 0/3), Fajardo 2 (0/1), Pogoy* 8 (1/1, 2/6), Perez 17 (3/5, 3/8), Rosario (0/3, 0/4), Almazan, Aguilar 8 (4/9, 0/2). All: Guiao

Tiri da due Ang 20/46, Fil 19/41; Tiri da tre Ang 9/25, Fil 10/46; Tiri liberi Ang 17/23, Fil 13/16. Rimbalzi Ang 50 (15 Moreira), Fil 53 (12 Blatche). Assist Ang 18 (6 Paulo), Fil 16 (4 Ravena).
Arbitri: Locatelli (Bra), Mikheyev (Kaz), Beker (Aus)
Spettatori: 5.500


Italia-Angola 92-61 (25-11, 19-10, 26-21, 22-19)
Italia: Della Valle 8 (1/2, 2/6), Belinelli* 17 (2/6, 3/6), Gentile 8 (1/5, 1/1), Biligha* 3 (1/2), Vitali L., Gallinari* 7 (3/5, 0/2), Hackett* 11 (2/3, 1/4), Filloy (0/1 da tre), Brooks 11 (4/4, 1/2), Tessitori 8 (4/5, 0/1), Abass 11 (1/2, 3/5), Datome* 8 (2/2, 1/2). All: Sacchetti
Angola: Domingos* 5 (1/4, 1/3), Moreira* 15 (7/12), Goncalves 3 (1/3, 0/1), Cipriano 4 (2/4, 0/6), Morais* 10 (3/9, 1/4), Paulo 12 (4/4), Antonio* 4 (1/2, 0/3), Mingas 2 (1/3), Mbunga ne, Moore* (0/1, 0/1), Joaquim 6 (3/5), Conceicao ne. All: Voigt

Tiri da due Ita 21/36, Ang 23/47; Tiri da tre Ita 12/30, Ang 2/18; Tiri liberi Ita 14/22, Ang 9/15. Rimbalzi Ita 42 (11 Brooks), Ang 35 (8 Moreira). Assist Ita 16 (3 Hackett), Ang 6 (2 Morais).
Note: Antisportivo a Vitali (68-36). Antisportivo a Gentile (92-61). Doppio antisportivo a Paulo (92-61). Espulso Paulo (92-61).
Arbitri: Anderson (Usa), Kozlovskis (Let), Mikheyev (Kaz)
Spettatori: 5.000

Serbia-Filippine 126-67 (28-13, 34-22, 37-13, 27-19)
Serbia: Simonovic 7 (2/2, 1/2), Bogdanovic* 17 (2/3, 4/5), Bjelica 20 (4/4, 3/3), Lucic* 4 (2/2, 0/1), Raduljica 13 (4/6), Bircevic* 6 (1/1, 1/4), Jokic 11 (4/4, 1/1), Milutinov* 10 (4/4), Micic* 11 (4/4, 1/2), Guduric 12 (2/2, 1/5), Jovic 6 (3/6), Marjanovic 9 (4/4). All: Djordjevic
Filippine: Blatche* 5 (1/3, 1/7), Dalistan* 15 (6/8, 0/5), Ravena 5 (0/1, 1/4), Norwood* (0/1 da tre), Bolick 7 (1/2, 1/3), Barroca, Fajardo 8 (3/7), Pogoy 2 (1/3, 0/2), Perez 16 (5/9, 1/2), Rosario* 2 (1/2), Almazan (0/2), Aguilar* 7 (3/6). All: Guiao

Tiri da due Ser 36/42, Fil 21/43; Tiri da tre Ser 12/22, Fil 4/24; Tiri liberi Ser 18/22, Fil 13/18. Rimbalzi Ser 37 (7 Jokic), Fil 23 (6 Fajardo). Assist Ser 37 (7 Micic, Jokic), Fil 14 (6 Blatche).
Usciti 5 falli: Blatche
Arbitri: Locatelli (Bra), Yu Jung (Tpe), Rosso (Fra)
Spettatori: 6.000


Italia-Filippine 108-62 (37-8, 25-16, 23-15, 23-23)
Italia: Della Valle 17 (1/2, 3/7), Belinelli* 9 (4/4, 0/2), Gentile 6 (0/3, 1/1), Biligha* 8 (4/7), Vitali L. 2 (1/1, 0/2), Gallinari* 16 (1/1, 4/5), Hackett* 7 (2/5 da 3), Filloy 7 (2/3, 1/3), Brooks 8 (2/3, 1/2), Tessitori 9 (4/7), Abass 2 (1/1, 0/1), Datome* 17 (4/4, 3/3). All: Sacchetti
Filippine: Blatche* 15 (5/8, 1/5), Dalistan 2 (1/1, 0/3), Ravena* 5 (1/4, 1/5), Norwood (0/1, 0/3), Bolick 6 (1/3, 0/2), Barroca* 2 (1/1, 0/1), Fajardo 9 (3/4), Pogoy* 2 (1/2, 0/1), Perez 15 (6/10, 1/2), Rosario 2 (1/1, 0/1), Almazan 2 (1/2), Aguilar* 2 (1/4). All: Guiao

Tiri da due Ita 24/36, Fil 22/41; Tiri da tre Ita 15/31, Fil 3/23; Tiri liberi Ita 15/21, Fil 9/12. Rimbalzi Ita 38 (8 Tessitori), Fil 34 (10 Blatche). Assist Ita 30 (5 Vitali), Fil 10 (3 Perez).
Note: Fallo tecnico a Ravena (65-26)
Arbitri: Anderson (Usa), Rosso (Fra), Yu (Tpe)
Spettatori: 12.000

Angola-Serbia 59-105 (20-29, 12-21, 15-28, 12-27)
Angola: Domingos* 6 (1/4, 0/5), Moreira* 8 (3/8), Goncalves (0/2, 0/2), Cipriano (0/1, 0/1), Morais* 15 (3/4, 3/6), Paulo 10 (4/7, 0/1) Antonio 6 (2/3 da tre), Mingas 2 (1/2), Mbunga (0/1), Moore 6 (0/1, 2/5), Joaquim 6 (1/3, 1/2), Conceicao (0/1 da tre). All: Voigt
Serbia: Simonovic* 5 (1/1, 1/1), Bogdanovic* 24 (3/3, 5/7), Bjelica ne, Lucic 7 (1/2), Raduljica (0/2), Bircevic* 7 (2/4, 1/2), Jokic 14 (1/2, 3/3), Milutinov 14 (4/6), Micic 8 (3/5), Guduric 9 (3/4 da tre), Jovic* 5 (2/2, 0/2), Marjanovic* 12 (6/8, 0/1). All: Djordjevic

Tiri da due Ang, Ser; Tiri da tre Ang, Ser; Tiri liberi Ang, Ser. Rimbalzi Ang, Ser. Assist Ang, Ser.
Arbitri: Locatelli (Bra), Kozlovskis (Let), Beker (Aus)
Spettatori: 11.000


Girone D

Sabato 31 agosto
Angola-Serbia 59-105
Filippine-Italia 62-108

Lunedì 2 settembre
Italia-Angola 92-61
Serbia-Filippine 126-67

Mercoledì 4 settembre
Angola-Filippine 84-81 dts
Italia-Serbia 77-92


La classifica*

Serbia 6 (3/0)
Italia 5 (2/1)
Angola 4 (1/2)
Filippine 3 (0/3)

*FIBA assegna due punti per la vittoria e un punto per la sconfitta


Girone J

Venerdì 6 settembre
Serbia-Portorico 90-47
Italia-Spagna 60-67

Domenica 8 settembre
Ore 16.30 Italia-Portorico (10.30 italiane, diretta Sky Sport Uno e Arena)
Ore 20.30 Serbia-Spagna (14.30 italiane, diretta Sky Sport Uno)

La classifica*

Serbia 8 (4/0)**
Spagna 8 (4/0)**
Italia 6 (2/2)
Portorico 6 (2/2)

*FIBA assegna due punti per la vittoria e un punto per la sconfitta
**Qualificate ai quarti di finale
]]>
Fri, 6 Sep 2019 15:59:00 UTC
<![CDATA[Nazionali 3x3 - FIBA 3x3 U18 Europe Cup, Tbilisi (Georgia). Italia ai Quarti ]]> Una vittoria e una sconfitta per gli Azzurri 3x3 U18 al campionato Europeo in corso a Tbilisi (Georgia).
Dopo l'ottimo esordio con la Romania (21-10), l'Italia poi perde con la Serbia 15-21. Seconda nel giorne D, affronterà nei Quarti, domenica 8 settembre, Israele, prima del girone B alle 14:45.

Italia-Romania 21-10
Italia. Borsetto 2, Doneda, Parravicini 9, Picarelli 10. All. Capobianco.

Italia-Serbia 15-21
Italia. Borsetto 1, Doneda 2, Parravicini 5, Picarelli 7. All. Capobianco. ]]>
Fri, 6 Sep 2019 13:47:00 UTC
<![CDATA[Nazionale A maschile - FIBA World Cup. Oggi a Wuhan Italia-Spagna (14.30 italiane, diretta Sky Sport Uno e Arena) è decisiva per i quarti di finale ]]> Wuhan. Inizia la seconda fase della FIBA World Cup. Con un volo di poco più di un’ora, la Nazionale si è trasferita oggi da Foshan a Wuhan, capoluogo della provincia dello Hubei alla confluenza del Fiume Azzurro, il più lungo corso d’acqua asiatico e il terzo al mondo.
E’ qui che l’Italia si giocherà il passaggio ai quarti di finale sfidando la Spagna (venerdì, 14.30 italiane su Sky Sport Uno e Arena) e il Portorico (domenica, ore 10.30 italiane su Sky Sport Uno e Arena) rispettivamente prima e seconda del gruppo C, quello giocato a Guangzhou.
Nel gruppo J anche la Serbia, che come gli spagnoli ha vinto il proprio raggruppamento e si presenta al via con 6 punti, frutto di tre vittorie in altrettante gare nella prima fase. Al terzo posto gli Azzurri con due vittorie e una sconfitta. Identico bottino per il Portorico, che però è al quarto posto per differenza canestri. Tutte le formazioni non potranno affrontare la squadra già incontrata nel primo girone. Ai quarti le prime due classificate.
Per accedere ai quarti, l’Italia deve battere Spagna e Portorico per poi tifare Serbia contro gli iberici. Con due vittorie Azzurre e il successo spagnolo contro i serbi, classifica avulsa. In caso di sconfitta domani contro la Spagna, Italia eliminata.

Così Meo Sacchetti: “Il match contro la Serbia ci ha dato buone indicazioni sotto alcuni punti di vista e vogliamo ripartire proprio dalle cose positive che abbiamo messo in campo ieri sera. Anche la Spagna è un avversario impegnativo ma siamo alla seconda fase di un Mondiale ed è normale trovarsi di fronte i migliori. Dovremo rimanere concentrati fin dall’inizio e fare la nostra partita. Rispetto alla gara contro i serbi dovremo però trovare energie da tutti i nostri giocatori e non solo da alcuni. I ragazzi sono concentrati e pronti a dare il massimo”.

Dello stesso avviso Amedeo Della Valle: “Gli spagnoli hanno molto talento in diverse parti del campo. Dobbiamo ripartire dai trenta minuti contro la Serbia e sforzarci di rimanere in gara anche nei restanti dieci. Sappiamo che sarà difficile ma sappiamo anche di potercela fare”.

Tra le Nazionali più forti d’Europa e del Mondo, la Spagna è arrivata al Mondiale depotenziata rispetto a qualche anno fa. Sono fuori Pau Gasol, Sergio Rodriguez, Nikola Mirotic, Serge Ibaka e Alex Abrines ma coach Sergio Scariolo, neo campione NBA con i Raptors, può contare sui veterani Marc Gasol, Rudy Fernandez, Sergio Llull e Ricky Rubio, affiancati da volti nuovi (per la Roja) come quelli di Quino Colom, quasi 14 punti di media nelle qualificazioni alla FIBA World Cup.
“L’Italia – ha detto Scariolo – è al nostro livello e dovremo giocare al 100% per vincere”.


I 12 Azzurri per la FIBA World Cup

#00 Amedeo Della Valle (1993, 194, G, A|X Armani Exchange Milano)
#3 Marco Belinelli (1986, 196, G, San Antonio Spurs - NBA)
#5 Alessandro Gentile (1992, 200, G/A, - )
#6 Paul Biligha (1990, 200, C, A|X Armani Exchange Milano)
#7 Luca Vitali (1986, 201, P, Germani Basket Brescia)
#8 Danilo Gallinari (1988, 208, A, Oklahoma City Thunder - NBA)
#10 Daniel Hackett (1987, 199, G, CSKA Mosca - Rus)
#12 Ariel Filloy (1987, 190, P, Umana Reyer Venezia)
#15 Jeff Brooks (1989, 203, A, A|X Armani Exchange Milano)
#16 Amedeo Tessitori (1994, 208, C, De’ Longhi Treviso)
#23 Awudu Abass (1993, 198, A, Germani Basket Brescia)
#70 Luigi Datome (1987, 203, A, Fenerbahce - Tur)

Commissario Tecnico: Meo Sacchetti


Spagna

#1 Quino Colom (1988, 188, P, Valencia)
#5 Rudy Fernandez (1985, 196, A, Real Madrid)
#8 Pau Ribas (1987, 196, G, Barcellona)
#9 Ricky Rubio (1990, 193, P, Phoenix Suns – NBA)
#10 Victor Claver (1988, 207, A, Barcellona)
#13 Marc Gasol (1985, 215, C, Toronto Raptors – NBA)
#14 Willy Hernangomez (1994, 209, C, Charlotte Hornets – NBA)
#18 Pierre Oriola (1992, 205, A, Barcellona)
#22 Xavier Rabaseda (1989, 196, A, Gran Canaria)
#23 Sergio Llull (1987, 192, G, Real Madrid)
#33 Javier Beiran (1987, 200, A, Gran Canaria)
#41 Juancho Hernangomez (1995, 205, A, Denver Nuggets – NBA)

All: Sergio Scariolo


I risultati del gruppo C

31 agosto
Iran-Portorico 81-83
Spagna-Tunisia 101-62

2 settembre
Tunisia-Iran 79-67
Portorico-Spagna 63-73

4 settembre
Portorico-Tunisia 67-64
Spagna-Iran 73-65

La classifica del gruppo C*

Spagna 6 (3/0)
Portorico 5 (2/1)
Tunisia 4 (1/2)
Iran 3 (0/3)

*FIBA assegna due punti per la vittoria e un punto per la sconfitta


Girone J

Venerdì 6 settembre
Ore 16.30 Serbia-Portorico (10.30 italiane, diretta Sky Sport Arena)
Ore 20.30 Italia-Spagna (14.30 italiane, diretta Sky Sport Uno e Arena)

Domenica 8 settembre
Ore 16.30 Italia-Portorico (10.30 italiane, diretta Sky Sport Uno e Arena)
Ore 20.30 Serbia-Spagna (14.30 italiane, diretta Sky Sport Arena)

La classifica*

Serbia 6 (3/0)
Spagna 6 (3/0)
Italia 5 (2/1)
Portorico 5 (2/1)

*FIBA assegna due punti per la vittoria e un punto per la sconfitta
]]>
Thu, 5 Sep 2019 15:44:00 UTC
<![CDATA[Nazionali 3x3 - FIBA 3x3 U18 Europe Cup, Tbilisi. La Nazionale maschile in campo il 6 settembre contro Romania e Serbia ]]> La Nazionale 3x3 U18 maschile è una delle dodici finaliste del Campionato Europeo FIBA 3x3 U18 Europe Cup che inizia venerdì 6 settembre a Tbilisi in Georgia.

L'Italia si è qualificata ad inizio agosto nel concentramento di Rieti dove ha eliminato squadre forti come Germania, Croazia e Spagna. La Nazionale Femminile, invece e purtroppo, non ha superato la Fase di Qualificazione perdendo di un solo punto contro la Spagna.

A Tbilisi, Ungheria e Serbia sono le due squadre più accreditate per raggiungere la Finale. Lo scorso anno, a Debrecen, vinse l'Ungheria. Quest'anno? Si vedrà. Anche perché la stessa Serbia (anch'essa promossa dal concentramento di Rieti), insieme alla Romania, fa parte del Girone D dove gioca l'Italia. Rispetto alla squadra di Rieti manca Gianmarco Arletti, mvp del concentramento, perché non ha avuto l'autorizzazione a partecipare dal suo college negli Stati Uniti, come non ha potuto rispondere alla convocazione per problemi fisici Niccolò Filoni, che aveva già partecipato agli Youth Olympic Games in Argentina nel 3x3 lo scorso anno.

"Mi dispiace che Gianmarco e Niccolò non ci siano-afferma Andrea Capobianco, allenatore della Nazionale 3x3 U18- ciò non significa che non affronteremo questa manifestazione con lo spirito giusto, con il massimo impegno, adattandoci alla diverse situazioni che ci troveremo ad affrontare. Un girone a tre squadre significa massimo agonismo dal primo istante di gioco ed essere pronti a tutto, anche ad una classifica avulsa per superare il turno, per cui nulla può essere lasciato al caso".

L'Italia gioca alle 15:20 con la Romania e alle 18:20 con la Serbia

L'Italia, a Tbilisi, partecipa alla finale con Belgio, Estonia, Francia, Georgia, Israele, Lituania, Romania, Russia, Serbia, Ucraina e l'Ungheria, squadra campione in carica

La Nazionale
Borsetto Marco (2001, 200, Petrarca Basket)
Doneda Simone (2001, 205, Porto S. Elpidio Basket)
Parravicini Matteo (2001, 186, Pallacanestro Varese)
Picarelli Matteo Italo (2001, 188, svincolato)

Lo Staff
Allenatore Andrea Capobianco
Fisioterapista Remo Bifolchi
Medico Federico Martello
Team Manager Matteo Massacesi

]]>
Thu, 5 Sep 2019 13:21:00 UTC
<![CDATA[Nazionale A maschile - FIBA World Cup. Italia-Serbia 77-92 (26 Gallinari). Seconda fase a Wuhan contro Spagna (6/09, 14.30 italiane) e Portorico (8/09, 10.30 italiane). Dirette Sky Sport ]]> Foshan. Troppo forte la Serbia. L’Italia perde 77-92 e chiude il girone D al secondo posto proprio dietro i serbi. In virtù di questo risultato, gli Azzurri giocheranno la seconda fase della FIBA World Cup a Wuhan nel girone J, che comprenderà anche Spagna e Portorico.
Si inizia venerdì 6 settembre proprio contro gli iberici (ore 14.30 italiane, diretta su Sky Sport Uno e Arena) per finire contro il Portorico domenica 8 settembre (ore 10.30 italiane, diretta su Sky Sport Uno e Arena).
Le quattro squadre del girone J portano in dote i punti guadagnati nelle tre partite della prima fase e non potranno giocare di nuovo con formazioni già affrontate. Ai quarti di finale le prime due classificate. Nella graduatoria del gruppo J, dunque, Serbia e Spagna partono in vantaggio rispetto agli Azzurri e al Portorico.

Così il CT: “Non ho nulla da rimproverare ai miei giocatori. Anzi, mi è piaciuto molto l’approccio alla partita e la determinazione con cui li abbiamo fronteggiati. Sapevamo che la lotta, nel gioco interno soprattutto, sarebbe stata impari e per questo ci siamo fatti trovare pronti costruendo buoni tiri finché abbiamo potuto. Contro una corazzata del genere avremmo dovuto tirare con il 90% per vincere. Qualcosa abbiamo sbagliato ma la loro fisicità, alla lunga, ci ha punito. Ora guardiamo alla seconda fase con fiducia, certi di poterci ripetere, e magari migliorare, già dopodomani contro la Spagna”.

Capitan Gigi Datome: “Innanzitutto complimenti alla Serbia. Squadra forte e attrezzata per arrivare fino in fondo. Avevamo preparato la gara per metterli in difficoltà e così abbiamo fatto per almeno tre quarti. Ora il focus si sposta su Spagna e Portorico. Dobbiamo riposarci e ricaricare le pile per essere pronti dopodomani sera”.

Già certi di un posto nella seconda fase con un turno di anticipo, gli Azzurri scendono in campo contro la Serbia con lo stato d’animo di chi non ha nulla da perdere. Tosti e concentrati, gli uomini di Meo iniziano col piede giusto e contrastano lo strapotere fisico della Serbia guidati da un ottimo Daniel Hackett. Dietro il numero 10 agiscono Gallinari e Belinelli ma il vero fattore è Ale Gentile: 6/6 ai liberi, fisico e mentalità. La Serbia va avanti ma l’Italia è in scia e chiude i primi 10 minuti sotto di 5 (23-28). Bogdanovic e compagni hanno medie pazzesche e ogni volta che tirano è una sentenza. Il primo strappo arriva nel secondo quarto (8-0 Serbia e -10 Italia, 29-39) ma gli Azzurri sono bravi a ricucire immediatamente con il solito Gentile, Datome e Belinelli. Altra spallata serba pochi minuti più tardi ed è di nuovo -10 (34-44). Hackett apre l’intervallo sul 42-50.
Nella terza frazione si accende Danilo Gallinari, che con due triple di fila segna il -2 (53-55). Il numero 8 avrebbe anche la bomba del sorpasso ma il ferro nega una soddisfazione che sarebbe stata più che meritata. Da quel momento, le energie calano e la Serbia approfitta per farci male con il gioco interno e con un Bogdanovic in versione full optional (chiuderà da MVP del match con 31 punti).
E’ il preludio alle difficoltà che l’Italia incontrerà negli ultimi dieci minuti di gioco. La profondità del roster avversario è infinita e Djordjevic sfrutta tutte le armi di cui dispone. L’Italia si innervosisce ma non si scompone. Finisce con un -15. Al momento, impensabile non immaginare la Serbia con una medaglia al collo a fine competizione.
Ancora un record per Marco Belinelli, che con 2224 ha raggiunto il quarto posto nella classifica dei migliori marcatori di sempre in Nazionale. La guardia dei San Antonio Spurs ha scavalcato nientemeno che Pierluigi Marzorati (2222) e ha nel mirino il gradino più basso del podio occupato attualmente da Renato Villalta (2265). Irraggiungibili, almeno per quest’anno, Dino Meneghin (2845) e Antonello Riva (3775).


Gli Azzurri partiranno alla volta di Wuhan nella mattinata di domani, giovedì 5 settembre, e sosterranno una sessione di allenamento dalle 20.30 alle 21.50 cinesi presso il Wuhan Sports Center (Tiyu Road, Caidian District, Wuhan).

I tabellini

Italia-Serbia 77-92 (23-28, 19-22, 15-20, 20-22)
Italia: Della Valle (0/1 da tre), Belinelli* 15 (2/4, 3/5), Gentile 11 (1/5, 1/1), Biligha* (0/1), Vitali L., Gallinari* 26 (5/8, 3/5), Hackett* 13 (2/4, 2/6), Filloy ne, Brooks 2 (1/1, 0/1), Tessitori, Abass 5 (1/3 da tre), Datome* 5 (0/2, 1/4). All: Sacchetti
Serbia: Simonovic (0/1), Bogdanovic* 31 (4/10, 6/11), Bjelica 5 (1/5, 1/4), Lucic* 2 (1/2, 0/1), Raduljica 12 (0/1), Bircevic*, Jokic 15 (5/6), Milutinov* 4 (1/1), Micic 6 (2/3), Guduric (0/1, 0/3), Jovic* 11 (1/3, 3/5), Marjanovic 6 (2/2). All: Djordjevic

Tiri da due Ita 11/25, Ser 17/35; Tiri da tre Ita 11/26, Ser 10/24; Tiri liberi Ita 22/30, Ser 28/34. Rimbalzi Ita 27 (8 Gallinari), Ser 35 (7 Bjelica). Assist Ita 11 (4 Belinelli), Ser 24 (9 Bjelica).
Usciti 5 falli: Lucic
Note: Antisportivo a Vitali (18-20), tecnico a Brooks (62-73), antisportivo a Gallinari (65-76), antisportivo a Hackett e Jokic (71-90)
Arbitri: Anderson (Usa), Rosso (Fra), Yu Jung (Tpe)
Spettatori: 15.000

Angola-Filippine 84-81 dts (21-20, 17-14, 18-12, 17-27, 11-8)
Angola: Domingos* 5 (1/5, 0/3), Moreira* 12 (6/11), Goncalves 5 (1/2, 1/2), Cipriano ne, Morais* 11 (2/6, 1/4), Paulo 6 (2/3, 0/1), Antonio* 3 (0/3, 1/3), Mingas ne, Mbunga (0/1), Moore 12 (1/3, 3/5), Joaquim* 20 (5/8, 1/2), Conceicao 10 (2/4, 2/5). All: Voigt
Filippine: Blatche* 23 (6/12, 2/7), Dalistan 3 (1/3 da tre), Ravena 6 (1/5, 0/3), Norwood (0/1 da tre), Bolick 10 (2/3, 2/6), Barroca* 4 (2/2, 0/3), Fajardo 2 (0/1), Pogoy* 8 (1/1, 2/6), Perez 17 (3/5, 3/8), Rosario (0/3, 0/4), Almazan, Aguilar 8 (4/9, 0/2). All: Guiao

Tiri da due Ang 20/46, Fil 19/41; Tiri da tre Ang 9/25, Fil 10/46; Tiri liberi Ang 17/23, Fil 13/16. Rimbalzi Ang 50 (15 Moreira), Fil 53 (12 Blatche). Assist Ang 18 (6 Paulo), Fil 16 (4 Ravena).
Arbitri: Locatelli (Bra), Mikheyev (Kaz), Beker (Aus)
Spettatori: 5.500


Italia-Angola 92-61 (25-11, 19-10, 26-21, 22-19)
Italia: Della Valle 8 (1/2, 2/6), Belinelli* 17 (2/6, 3/6), Gentile 8 (1/5, 1/1), Biligha* 3 (1/2), Vitali L., Gallinari* 7 (3/5, 0/2), Hackett* 11 (2/3, 1/4), Filloy (0/1 da tre), Brooks 11 (4/4, 1/2), Tessitori 8 (4/5, 0/1), Abass 11 (1/2, 3/5), Datome* 8 (2/2, 1/2). All: Sacchetti
Angola: Domingos* 5 (1/4, 1/3), Moreira* 15 (7/12), Goncalves 3 (1/3, 0/1), Cipriano 4 (2/4, 0/6), Morais* 10 (3/9, 1/4), Paulo 12 (4/4), Antonio* 4 (1/2, 0/3), Mingas 2 (1/3), Mbunga ne, Moore* (0/1, 0/1), Joaquim 6 (3/5), Conceicao ne. All: Voigt

Tiri da due Ita 21/36, Ang 23/47; Tiri da tre Ita 12/30, Ang 2/18; Tiri liberi Ita 14/22, Ang 9/15. Rimbalzi Ita 42 (11 Brooks), Ang 35 (8 Moreira). Assist Ita 16 (3 Hackett), Ang 6 (2 Morais).
Note: Antisportivo a Vitali (68-36). Antisportivo a Gentile (92-61). Doppio antisportivo a Paulo (92-61). Espulso Paulo (92-61).
Arbitri: Anderson (Usa), Kozlovskis (Let), Mikheyev (Kaz)
Spettatori: 5.000

Serbia-Filippine 126-67 (28-13, 34-22, 37-13, 27-19)
Serbia: Simonovic 7 (2/2, 1/2), Bogdanovic* 17 (2/3, 4/5), Bjelica 20 (4/4, 3/3), Lucic* 4 (2/2, 0/1), Raduljica 13 (4/6), Bircevic* 6 (1/1, 1/4), Jokic 11 (4/4, 1/1), Milutinov* 10 (4/4), Micic* 11 (4/4, 1/2), Guduric 12 (2/2, 1/5), Jovic 6 (3/6), Marjanovic 9 (4/4). All: Djordjevic
Filippine: Blatche* 5 (1/3, 1/7), Dalistan* 15 (6/8, 0/5), Ravena 5 (0/1, 1/4), Norwood* (0/1 da tre), Bolick 7 (1/2, 1/3), Barroca, Fajardo 8 (3/7), Pogoy 2 (1/3, 0/2), Perez 16 (5/9, 1/2), Rosario* 2 (1/2), Almazan (0/2), Aguilar* 7 (3/6). All: Guiao

Tiri da due Ser 36/42, Fil 21/43; Tiri da tre Ser 12/22, Fil 4/24; Tiri liberi Ser 18/22, Fil 13/18. Rimbalzi Ser 37 (7 Jokic), Fil 23 (6 Fajardo). Assist Ser 37 (7 Micic, Jokic), Fil 14 (6 Blatche).
Usciti 5 falli: Blatche
Arbitri: Locatelli (Bra), Yu Jung (Tpe), Rosso (Fra)
Spettatori: 6.000


Italia-Filippine 108-62 (37-8, 25-16, 23-15, 23-23)
Italia: Della Valle 17 (1/2, 3/7), Belinelli* 9 (4/4, 0/2), Gentile 6 (0/3, 1/1), Biligha* 8 (4/7), Vitali L. 2 (1/1, 0/2), Gallinari* 16 (1/1, 4/5), Hackett* 7 (2/5 da 3), Filloy 7 (2/3, 1/3), Brooks 8 (2/3, 1/2), Tessitori 9 (4/7), Abass 2 (1/1, 0/1), Datome* 17 (4/4, 3/3). All: Sacchetti
Filippine: Blatche* 15 (5/8, 1/5), Dalistan 2 (1/1, 0/3), Ravena* 5 (1/4, 1/5), Norwood (0/1, 0/3), Bolick 6 (1/3, 0/2), Barroca* 2 (1/1, 0/1), Fajardo 9 (3/4), Pogoy* 2 (1/2, 0/1), Perez 15 (6/10, 1/2), Rosario 2 (1/1, 0/1), Almazan 2 (1/2), Aguilar* 2 (1/4). All: Guiao

Tiri da due Ita 24/36, Fil 22/41; Tiri da tre Ita 15/31, Fil 3/23; Tiri liberi Ita 15/21, Fil 9/12. Rimbalzi Ita 38 (8 Tessitori), Fil 34 (10 Blatche). Assist Ita 30 (5 Vitali), Fil 10 (3 Perez).
Note: Fallo tecnico a Ravena (65-26)
Arbitri: Anderson (Usa), Rosso (Fra), Yu (Tpe)
Spettatori: 12.000


Angola-Serbia 59-105 (20-29, 12-21, 15-28, 12-27)
Angola: Domingos* 6 (1/4, 0/5), Moreira* 8 (3/8), Goncalves (0/2, 0/2), Cipriano (0/1, 0/1), Morais* 15 (3/4, 3/6), Paulo 10 (4/7, 0/1) Antonio 6 (2/3 da tre), Mingas 2 (1/2), Mbunga (0/1), Moore 6 (0/1, 2/5), Joaquim 6 (1/3, 1/2), Conceicao (0/1 da tre). All: Voigt
Serbia: Simonovic* 5 (1/1, 1/1), Bogdanovic* 24 (3/3, 5/7), Bjelica ne, Lucic 7 (1/2), Raduljica (0/2), Bircevic* 7 (2/4, 1/2), Jokic 14 (1/2, 3/3), Milutinov 14 (4/6), Micic 8 (3/5), Guduric 9 (3/4 da tre), Jovic* 5 (2/2, 0/2), Marjanovic* 12 (6/8, 0/1). All: Djordjevic

Tiri da due Ang, Ser; Tiri da tre Ang, Ser; Tiri liberi Ang, Ser. Rimbalzi Ang, Ser. Assist Ang, Ser.
Arbitri: Locatelli (Bra), Kozlovskis (Let), Beker (Aus)
Spettatori: 11.000


Girone D

Sabato 31 agosto
Angola-Serbia 59-105
Filippine-Italia 62-108

Lunedì 2 settembre
Italia-Angola 92-61
Serbia-Filippine 126-67

Mercoledì 4 settembre
Angola-Filippine 84-81 dts
Italia-Serbia 77-92


La classifica*

Serbia 6 (3/0)
Italia 5 (2/1)
Angola 4 (1/2)
Filippine 3 (0/3)

*FIBA assegna due punti per la vittoria e un punto per la sconfitta


Girone J

Venerdì 6 settembre
Ore 16.30 Serbia-Portorico (10.30 italiane)
Ore 20.30 Italia-Spagna (14.30 italiane, diretta Sky Sport Uno e Arena)

Domenica 8 settembre
Ore 16.30 Italia-Portorico (10.30 italiane, diretta Sky Sport Uno e Arena)
Ore 20.30 Serbia-Spagna (14.30 italiane)

La classifica

Serbia 6 (3/0)
Spagna 6 (3/0)
Italia 5 (2/1)
Portorico 5 (2/1)
]]>
Wed, 4 Sep 2019 15:54:00 UTC
<![CDATA[Presidente - Boscia Tanjevic nella FIBA Hall of Fame. Le congratulazioni del presidente Petrucci ]]> Boscia Tanjevic è entrato a far parte della FIBA Hall of Fame. La cerimonia si è tenuta a Pechino, nell'ambito del XXI Congresso della Federazione Internazionale, dove Tanjevic è stato insignito del prestigioso riconoscimento insieme ad altre dieci personalità della pallacanestro internazionale.

A Tanjevic vanno le sincere ed affettuose congratulazioni del presidente FIP Giovanni Petrucci per l'importante onorificenza che gli è stata conferita, ulteriore testimonianza di una carriera ai più alti livelli. ]]>
Wed, 4 Sep 2019 06:44:00 UTC
<![CDATA[Nazionale A maschile - FIBA World Cup. Domani la Serbia (13.30 italiane, Sky Sport Uno) per il primato nel girone. Da giovedì a Wuhan per la seconda fase ]]> Foshan. E’ una vigilia serena. Il match contro la Serbia (domani, ore 13.30 in diretta su Sky Sport) è decisivo per la classifica del girone D ma è anche un test, l’ennesimo, per una Nazionale che non è arrivata al meglio al mondiale ma che nelle prime due uscite ufficiali ha lasciato intravedere netti miglioramenti. La serenità arriva da due convincenti prestazioni e dai primi due obiettivi minimi conquistati sul campo: il passaggio al secondo turno della FIBA World Cup e l’accesso a uno dei quattro tornei pre olimpici del prossimo anno.

La potenza dei serbi, candidati all’Oro, non ha nulla a che vedere con Filippine e Angola ma la pallacanestro giocata dagli Azzurri per larghi tratti fa ben sperare.
Di segno opposto i due precedenti estivi contro la squadra di Djordjevic: ad Atene, senza Gallinari e Datome, è arrivato un pesante -32 (64-96). Una settimana dopo a Shenyang la Nazionale è rimasta in partita per quaranta minuti guadagnandosi anche l’occasione di vincere, poi però non sfruttata (65-71). Per molti il terzo capitolo della saga Italia-Serbia è già scritto; non così per i ragazzi di Meo Sacchetti, che non hanno dimenticato i due precedenti e che già ieri sera, appena conclusa la partita contro gli africani, si sono focalizzati sulla sfida più dura di questa prima fase.

“Una montagna da scalare” l’ha definita Belinelli. “La squadra più forte in circolazione” ha detto Meo. Nessuna di queste definizioni è eccessiva per una formazione che ha talento, fisico e classe distribuiti su tutti i dodici effettivi. Una quantità enorme di soluzioni da utilizzare sotto i canestri e da dietro l’arco grazie a giocatori di primo livello in NBA e in Europa.

“Sappiamo che non sarà facile – commenta Daniel Hackett – perché hanno una serie incredibile di fuoriclasse. Anche noi, però, abbiamo dei giocatori in grado di fare la differenza. Al momento credo che siano la squadra più forte al mondo ma noi partiamo sereni per rispettare il nostro piano partita. Senza timore proveremo a dargli fastidio”.

Così Jeff Brooks: “Dovremo lottare per quaranta minuti con grande intensità. Loro sono una squadra completa e quello che mi impressiona, oltre l’aspetto tecnico, è la grande mentalità che mettono in campo ogni volta che giocano. Sarà dura ma vogliamo fare del nostro meglio”.

Oltre la Serbia, c’è la seconda fase mondiale, già certa dopo le due vittorie contro filippini e angolani. Sulla strada degli Azzurri a Wuhan ci sarà sicuramente la Spagna, anch’essa qualificata al secondo step dopo aver battuto Tunisia e Portorico. L’altra formazione che completerà il gruppo J insieme a Italia e Serbia uscirà dallo spareggio di domani tra tunisini e portoricani (16.30 cinesi).
In caso di arrivo al secondo posto, gli Azzurri affronteranno la Spagna il 6 settembre e una tra Portorico e Tunisia l’8 settembre. In caso di vittoria del girone, per l’Italia il calendario sarà esattamente l’opposto (Tunisia o Portorico il 6 settembre e Spagna l’8 settembre).

I 12 Azzurri per la FIBA World Cup

#00 Amedeo Della Valle (1993, 194, G, A|X Armani Exchange Milano)
#3 Marco Belinelli (1986, 196, G, San Antonio Spurs - NBA)
#5 Alessandro Gentile (1992, 200, G/A, - )
#6 Paul Biligha (1990, 200, C, A|X Armani Exchange Milano)
#7 Luca Vitali (1986, 201, P, Germani Basket Brescia)
#8 Danilo Gallinari (1988, 208, A, Oklahoma City Thunder - NBA)
#10 Daniel Hackett (1987, 199, G, CSKA Mosca - Rus)
#12 Ariel Filloy (1987, 190, P, Umana Reyer Venezia)
#15 Jeff Brooks (1989, 203, A, A|X Armani Exchange Milano)
#16 Amedeo Tessitori (1994, 208, C, De’ Longhi Treviso)
#23 Awudu Abass (1993, 198, A, Germani Basket Brescia)
#70 Luigi Datome (1987, 203, A, Fenerbahce - Tur)

Commissario Tecnico: Meo Sacchetti

Serbia

#5 Marko Simonovic (1986, 203, A, Cedevita Olimpija – Slo)
#7 Bogdan Bogdanovic (1992, 197, G/A, Sacramento Kings – NBA)
#8 Nemanja Bjelica (1988, 209, A, Sacramento Kings – NBA)
#11 Vladimir Lucic (1989, 201, A, Bayern Monaco – Ger)
#13 Miroslav Raduljica (1988, 213, C, Jiangsu Dragons – Cina)
#14 Stefan Bircevic (1989, 210, A/C, Telekom Basket – Ger)
#15 Nikola Jokic (1995, 209, C, Denver Nuggets – NBA)
#21 Nikola Milutinov (1994, 212, C, Olympiacos – Gre)
#22 Vasilije Micic (1994, 196, G, Anadolu Efes – Tur)
#23 Marko Guduric (1995, 196, G, Memphis Grizzlies – NBA)
#24 Stefan Jovic (1990, 196, P, Khimki – Rus)
#51 Boban Marjanović (1988, 222, C, Dallas Mavericks – NBA)

All: Aleksandar Djordjevic

Il programma (ore locali)

Sabato 31 agosto
Angola-Serbia 59-105
Filippine-Italia 62-108

Lunedì 2 settembre
Italia-Angola 92-61
Serbia-Filippine 126-67

Mercoledì 4 settembre
Ore 15.30 Angola-Filippine
Ore 19.30 Italia-Serbia (diretta Sky Sport Uno e Arena)

La classifica*

Italia 4 (2/0)**
Serbia 4 (2/0)**
Angola 2 (0/2)
Filippine 2 (0/2)

*FIBA assegna due punti per la vittoria e un punto per la sconfitta
**Già qualificate al secondo turno

Gruppo C (ore locali)

Sabato 31 agosto
Iran-Portorico 81-83
Spagna-Tunisia 101-62

Lunedì 2 settembre
Tunisia-Iran 79-67
Portorico-Spagna 63-73

Mercoledì 4 settembre
Ore 16.30 Portorico-Tunisia (diretta Sky Sport Uno)
Ore 20.30 Spagna-Iran

La classifica*

Spagna 4 (2/0)**
Portorico 3 (1/1)
Tunisia 3 (1/1)
Iran 2 (0/2)

*FIBA assegna due punti per la vittoria e un punto per la sconfitta
**Già qualificate al secondo turno

]]>
Tue, 3 Sep 2019 14:17:00 UTC