home fip
basket community
Sponsor Maglia Azzurra
Sponsor Maglia Azzurra
Sponsor Tecnico
Sponsor Tecnico
Sponsor
Sponsor
Sponsor
Sponsor
Sardegnacomitato regionale

NON SOLO REGOLAMENTO

14 Gennaio 2013
Non solo regolamento...

Hai un dubbio sull'interpretazione di una regola tecnica? Desideri un chiarimento su una novità regolamentare? Hai necessità di una spiegazione su una situazione di gioco?

La FIP - Comitato Regionale Sardo mette a disposizione di tecnici, giocatori e semplici appassionati questo spazio virtuale per ottenere chiarimenti e delucidazioni tecniche da parte dell'Istruttore Regionale degli Arbitri per la Sardegna, Stefano Pani.

Al fine di rendere questo spazio il più possibile chiaro e fruibile dagli utenti, si prega di attenersi alle seguenti regole:
1) Si fornirà una risposta alle sole questioni tecnico-interpretative, ovvero a richieste di chiarimenti su situazioni di gioco;
2) Le domande, che saranno pubblicate unitamente alla risposta nel più breve tempo possibile, dovranno essere formulate in maniera chiara, precisa e sintetica, così da consentire una facile comprensione da parte di tutti gli utenti;
3) Le domande dovranno essere inviate all'indirizzo e-mail:
istruttoreregionaleciasardegna@gmail.com

Domande & Risposte

1) D. Quali sono le indicazioni che date agli arbitri per capire una SIMULAZIONE di fallo? (Simone Deidda allenatore Scuola Basket)

R. Percepire se un giocatore stia o non stia simulando non è sempre semplicissimo. Bisogna considerare diversi parametri: 1- Corporatura dei giocatori che vengono a contatto. 2- Velocità dei giocatori che vengono a contatto. 3- Distanza dei giocatori (inerzia) che vengono a contatto. Non è pensabile che un difensore di 120 kg " crolli " a terra se si scontra con un attaccante di 80 kg, che parte da fermo (poca velocità) da una distanza di mezzo metro.


2) D. Vorrei alcuni chiarimenti sulla regola del " piede ". (Francesco ex giocatore e ora Genitore di San Gavino Monreale)

R. Il regolamento tecnico non parla di " piede " bensì di come si controlla la palla (art.13.1 e 13.2).
Un giocatore non deve DELIBERATAMENTE calciare o bloccare la palla con qualsiasi parte della gamba..... entrare in contatto o toccare ACCIDENTALMENTE la palla con la gamba non è violazione.
L'indicazione che dò agli arbitri é: fischiate violazione ogni volta che è palese che la gamba va verso la palla VOLONTARIAMENTE, in tutte le altre situazioni non fischiate mai.

3) D.  Nella mia partita di ieri sera ho notato che i giocatori della squadra avversaria marcavano il mio portatore di palla aiutandosi spesso con l'uso delle mani. Quali sono le indicazioni date agli arbitri per fischiare o non fischiare questo tipo di contatti? (Renato Ibba allenaore Astro).

R. Al contrario di quella che è la convinzione comune, la regola del vantaggio-svantaggio non è solo una regola del calcio. Le indicazioni che io dò agli arbitri al riguardo sono le seguenti: 1- Il marcatore del portatore di palla non ha necessità di "sentire" l'avversario con l'uso delle mani perchè lo vede, le usa sporadicamente per capire meglio la distanza da tenere nella marcatura. 2- Ogni volta che un difensore condiziona con l'uso delle mani la traiettoria del portatore di palla l'arbitro è tenuto a fischiare fallo alla difesa. 3- Se l'uso delle mani del difensore sul portatore di palla non condiziona in alcun modo la traiettoria dell'attaccante l'arbitro non DEVE FISCHIARE.

 4) D.  A12, che si trova nella sua metà campo d'attacco, devia il pallone mestre B5 lo passa al suo compagno B6. La palla rotola nella metà campo difensiva della squadra A, e subito viene raccolta da A7. E' stata commessa violazione della regola RPZD? (Beppe Peretti allenatore ASTRO)

R.: Per fischiare violazione della regola Ritorno della Palla in Zona di Difesa è necessario che si verifichino contemporaneamente tre condizioni: 1- Possesso di palla; 2- Ultimo tocco in zona d'attacco; 3- Primo tocco in zona di difesa.
Nella situazione su indicata viene a mancare la prima delle tre condizioni (possesso di palla della squadra A)e per questo motivo non può essere fischiata violazione di RPZD.

 5) D. Qual'è l'indicazione data agli arbitri sul come applicare la regola dei passi nei campionati minibasket U13-14? (corsista primo anno allenatori)

R. Nei campionati giovanili minori la finalità principale nel fare pallacanestro, come del resto in tutti gli altri sport, è quella di divertire e appassionare i bambini. Educarli al rispetto di regole comuni per il raggiugimento di uno scopo. L'indicazione data agli arbitri è quella di cercare il giusto equilibrio tra il rispetto della regola e il far divertire i ragazzi senza interrompere troppo spesso il gioco. E' compito dello stesso arbitro e di istruttori, dirigenti e GENITORI far capire questo concetto.

 6) D. Quale indicazione date agli arbitri del settore giovanile sull'uso degli scalda muscoli per le braccia? (Claudio Sanna Genitore)

 R. Premesso che non esiste alcuna indicazione specifica nella normativa vigente per i campionati giovanili, riporto art. 4.4.2 del Regolamento Tecnico (valido per tutti i campionati): Sono permessi (senza certificazione medica)

- Maniche compressive dello stesso colore dominante delle maglie.

 7) D. Quando inizia l'azione di tiro nel terzo tempo? (allenatore Antonianum)

R.:Nel terzo tempo l'atto di tiro inizia quando il giocatore raccoglie la palla prima del primo passo. E' importante sapere che se quel giocatore subisce fallo quando ha la palla in mano, sul primo passo e poi passa la palla invece che tirare non è più da considerarsi in atto di tiro.

8) D. Può l'aiuto allenatore discutere con l'arbitro? (G. Cerulla aiuto allenatore Scuola Basket CA)


R. L'arbitro, ogni qual volta che si trova nella situazione di dover riprendere un componente della panchina, qualsiasi esso sia (sostituti, aiuto allenatore, dirigenti, scorer), non deve parlare con lo stesso ma sempre con l'allenatore. Certo che se gli viene chiesto un qualsiasi cosa nei dovuti modi, può rispondere a chiunque, sempre se la situazione lo permette.

 9) D. Quando si deve considerare in attacco un giocatore che palleggiando passa dalla sua zona di difesa a quella d'attacco?(Federico Xaxa allenatore)


R. E' in attacco quando palleggia e ha entrambi i piedi nella sua metà campo d'attacco. Se solo uno dei tre elementi (piede destro, piede sinistro e palla) non è completamente nella metà campo offensiva è da considerarsi ancora in difesa. Tutto ciò è determinante per l'eventuale violazioni delle regole Ritorno della Palla nella Zona di Difesa e quella degli otto secondi.

 10) D. Un attaccante, che sta già da 2" nell'area avversaria, riceve la palla. Subito cerca di giocarla, ma chiuso dalla difesa, è costretto ad uscire in palleggio. Nel totale ha stazionato 5" nell'area. Ha compiuto violazione?


R.L'arbitro per  fischiare violazione della regola dei tre secondi deve contare quando esistono contemporaneamente le quattro condizioni (possesso di palla squadra in attacco, cronometro in movimento, palla in zona d'attacco e giocatore attaccante che sta dentro area avversaria) indicate nel Regolamento Tecnico. E' evidente che qui viene a mancare l'ultima.

 11) D. Può l'Aiuto Allenatore alzarsi per andare a chiedere un Time Out quando l'Allenatore è in piedi?


R. La regola dice che solo uno dei due, tra allenatore e aiuto allenatore, può stare in piedi. Naturalmente quella indicata è una situazione che richiede l'utilizzo del buon senso. 

 12) D. Durante un'azione di gioco un difensore tocca la retina del proprio canestro mentre la palla è a contatto con il cerchio. L'arbitro non fischia interferenza e non convalida il canestro. Come mai?(allenatore Sassari) 

R. Per compiere " interferenza ", in questo caso sull'attrezzo (cerchio, sostegno, retina o tabellone), non è sufficiente toccarlo mentre la palla è a contatto con il cerchio. Il difensore o l'attaccante lo deve far vibrare condizionando, a giudizio insindacabile dell'aritro, l'entrata o la non entrata della palla nel canestro.

13) D. Durante un'azione di gioco un attaccante, non marcato da vicino, compie una evidente violazione di "passi" a un paio di metri dalla linea dei tre punti. L'arbitro non fischia. Come mai? (Sciretti allenatore Olbia)

R.Gli arbitri non devono applicare in modo rigido il regolamento. Se la violazione non porta a nessun vantaggio per chi la compie, e uno svantaggio per la squadra avversaria, la stessa dev'essere ignorata. Nella situazione specifica il fare "passi" da parte dell'attaccante non gli è servito per superare il suo diretto marcatore.  

 

 

 

 

 


 

 

Condividi ...
risultati campionati regionali
maschili
femminili
Nazionale Maschile
Nazionale Femminile
calendario eventi
´┐Ż2015 Federazione Italiana Pallacanestro - Comitato Regionale Sardegna - P.IVA01382041000   Privacy Policy    Cookie Policy
credits sendoc.it
Sixtus
Acqua Eva
www.angelico.it
basketlike.it
www.spaldingbros.com

Fornitori Ufficiali